Nuovo album dei Duran Duran in uscita

RED CARPET MASSACRE il nuovo album dei Duran Duran in uscita il 16 novembre rappresenta un importante traguardo, la suprema espressione della creatività della band in ventinove anni di illustre carriera.

 

Nel maggio 2006, dopo un tour di due anni a supporto del precedente album ASTRONAUT (disco di platino in Italia), i Duran Duran hanno completato 14 brani per un disco provvisoriamente intitolato 'Reportage'. Tuttavia, come racconta il cantante Simon LeBon, "Quando ci siamo seduti ad ascoltare quello che avevamo creato con le nostre sole forze, abbiamo avuto l'impressione che mancasse una traccia guida, così abbiamo contattato Timbaland, l'unico produttore tra quelli in auge che piaceva a tutti."  Timbaland, uno dei più geniali produttori pop sulla scena americana, si dimostra ben lieto di collaborare. Viene fissata una sessione ai Manhattan Center Studios di New York per il settembre dello stesso anno. Ciò che i membri della band sembrano ignorare prima di imbarcarsi in questa nuova avventura, è che uno dei loro più esaltati ammiratori, Justin Timberlake, è altrettanto desideroso di essere coinvolto nel progetto Quando i ragazzi arrivano negli Stati Uniti, Justin ritaglia un po' di tempo dalle attività per la pubblicazione del suo nuovo album per passare un po' di tempo in studio con loro. Come se questa nuova collaborazione non bastasse a rivoluzionare totalmente le cose, il chitarrista Andy Taylor lascia la band: i restanti quattro componenti decidono di cambiare tattica e cominciare tutto da capo. "Lavorare con produttori che conoscono a fondo il 'groove factor' è stata una vera rivelazione" racconta il tastierista Nick Rhodes "Questo ha davvero riacceso il battito e il vero spirito dei Duran Duran. Una squadra straordinaria che riesce ad innescare in studio una chimica fantastica." "Con questi ragazzi a bordo è stato come se i Duran Duran fossero stati revisionati e rimessi a nuovo," aggiunge il bassista John Taylor. "In passato ci spostavamo spesso nelle grandi città per lavorare con professionisti legati ai grandi successi del dance floor," spiega il batterista Roger Taylor.  "Quando siamo arrivati a New York l'anno scorso abbiamo ritrovato quel tipo di suggestione."
Con in tasca tre memorabili track come bottino (Nite-Runner, Skin Divers e Zoom In), i ritrovati Duran lasciano le coste americane per riapprodare in UK dove si mettono al lavoro per realizzare un album che sarà diverso da 'Reportage', con una nuova squadra di produzione guidata dal braccio destro di Timbaland, Nate 'Danja' Hills e da Jimmy Douglass, storico collaboratore di Timbaland.  Roger Taylor racconta: "La prima volta che abbiamo incontrato Timbaland siamo rimasti molto colpiti da quel tipo che se ne stava seduto in un angolo, Nate Hills.  Non solo si trattava di uno dei più incredibili talenti del beat che avessimo mai incontrato, era anche un eccellente musicista. E' lui che successivamente ha riempito il vuoto che avrebbe altrimenti lasciato la partenza di Andy. Così, dopo le sessioni iniziali a New York, l'abbiamo praticamente rapito e trascinato a Londra.  E' una fonte inesauribile di idee. Ha un talento sconfinato."

RED CARPET MASSACRE è stato quasi interamente registrato in tre sessioni: la prima con Timbaland, con capatina di Timberlake come ospite, ai Manhattan Center Studios di New York; la seconda fase negli studi della band, gli Sphere Studios di Wandsworth (Londra) nel Natale 2006, capitanata da Nate Hills e Jimmy Douglass.  E la volata finale ai Metropolis Studios di West London, con la produzione di Hills e Douglass all'inizio del 2007. Tutto si sarebbe concluso a questo punto, se Simon Le Bon non avesse casualmente incontrato di nuovo a Birmingham Justin Timberlake che qui faceva tappa col suo tour inglese.  "Justin mi ha chiesto se poteva ascoltare il materiale che avevamo registrato. Alla fine mi ha detto 'Avete bisogno di un brano come la vostra hit "Ordinary World" per far quadrare il cerchio'.  L'intramontabile successo del 1992, rivela Justin, era stato uno dei suoi brani preferiti quando era un quattordicenne fanatico di pop. Lo stesso Le Bon cita con disarmante naturalezza "What goes around, comes around… (Si raccoglie ciò che si semina…)". Qualche giorno dopo, quando il tour di Justin approda a Manchester, i Duran Duran e Timberlake si incontrano al Blueprint Studio e qui si barricano per 36 ore, per scrivere e registrare Falling Down, il motivo destinato a distinguersi come una delle più avvincenti canzoni pop degli inizio del 21° secolo, il primo singolo a cui è affidata la presentazione del nuovo album.  "Falling Down", tra l'altro una delle prime produzioni soliste di Timberlake, è una ballata ritmata che Justin descrive come "molto Duran Duran. Simon ha scritto testi suggestivi, eloquenti ed enigmatici che personalmente considero splendidi," commenta Justin.  "Uno dei testi migliori che Simon ha scritto da molto tempo a questa parte," concorda Nick. L'album che ospita il singolo, RED CARPET MASSACRE, è coinvolgente ed audace.  "Con questo lavoro abbiamo dovuto lasciarci alle spalle molte delle nostre tradizionali convinzioni sul concetto di band," rivela il bassista John Taylor. Ce lo spiega meglio Nick Rhodes: "La maggior parte dei produttori che in questa occasione hanno collaborato con noi non aveva mai lavorato con una band, e noi non avevamo mai lavorato senza un chitarrista." "Abbiamo dovuto mettere completamente da parte il nostro egocentrismo," aggiunge Roger Taylor. "In passato siamo sempre stati molto indipendenti." I quattro componenti della band concordano su un fatto: non hanno mai lavorato tanto duramente per un album, prima di RED CARPET MASSACRE.  I risultati, comunque, parlano da soli.  Un album stellare, innovativo e attuale, ma al tempo stesso l'espressione più pura dello spirito dei Duran Duran. "Ogni volta che riusciamo a portare a termine un progetto," spiega John. "Per me la sensazione è sempre la stessa… 'wow'… abbiamo scritto una nuova pagina.  Questo rappresenta in effetti un nuovo fondamentale capitolo nella storia della band. Abbiamo realizzato un disco che entusiasma davvero tutti noi."

NOTE DI PRODUZIONE
Nite Runner (Timbaland, Nate Hills, Justin Timberlake, Duran Duran) Prodotto da  Timbaland, Nate 'Danja' Hills, Justin Timberlake e Duran Duran Featuring Timbaland & Justin Timberlake
Skin Divers (Timbaland, Nate Hills, Duran Duran) Prodotto da Timbaland, Nate 'Danja' Hills and Duran Duran Featuring Timbaland
Falling Down (Duran Duran, Justin Timberlake) Prodotto da Justin Timberlake Featuring Justin Timberlake
The Valley, Red Carpet Massacre, Box Full O' Honey, Tempted, Tricked out, Zoom in, She's too much, Dirty Great Monster, Last Man Standing sono prodotti da Nate 'Danja' Hills, Jimmy Douglass e Duran Duran.

Condividi.