Speciale Le Streghe Di Salem Il film di Rob Zombie nelle sale dal 24 aprile

Tremate tremate, le streghe sono tornate! E nel nuovo film di Rob Zombie, sono tornate davvero. Nell’ultima sua creazione ci troviamo a Salem (che sia una citazione al Meastro Stephen King?), una cittadina tranquilla in cui Heidi Hawthorne, interpretata da Sheri Moon Zombie, lavora come speaker in una radio. Un giorno, riceve un lp di un gruppo chiamato “Lords of Salem” e, per pubblicizzare l’avvento del tour, evento per sole donne, lo passa in radio. E da qui si scatena l’inferno, nel vero senso della parola. Heidi inizia un incubo nel quale si fa fatica a scindere la realtà dal sogno e dal quale viene inghiottita ogni giorno di più. Fino al giorno del concerto.

Mi sembra giusto lasciare un po’ di suspance e non rivelare nient’altro sul plot, mentre invece si può spendere qualche parola sulla regia. Impeccabile. Rob Zombie ha di nuovo centrato il bersaglio sulla scia di film horror old style. Non bisogna però aspettarsi lo splatter che l’ha distinto nei suoi lavori precedenti: questo film sembra quasi più introspettivo, un orrore mentale più che fisico, una paura antica che risorge come il male che l’accompagna. Le streghe sono sempre un tema affascinante e difficile da gestire per non cadere nel classico “già visto, già sentito” e Mr Zombie ci riesce fondendo una storia, dì per sè esente da colpi di scena, ad un mix di immagini e simboli, sia nuovi che vetusti, ericchi di terrore.

Il finale ovviamente non è scontato come, purtroppo, si vede spesso a Hollywood: diciamo pure che anche questo contribuisce all’ansia che fa da fil rouge del film. Che dire di più “we’ve been waiting, we’ve always been waiting“.

Lord of Salem raising 04-24-2013.

Grazie a Claudia Zappa

Condividi.