Speciale Rock ‘N’ Roll Radio – Intervista a Max De Riu

Dopo gran vociare e una curiosità divenuta ormai attesa, è arrivata l’ufficialità: dalle ceneri della compianta Rock FM, gli amanti del rock, potranno nuovamente godere di una radio rock. L’appuntamento è sul web, con l’imminente nascita di Rock ‘N’ Roll Radio, progetto facente parte dei locali del marchio Rock ‘N’ Roll.

Una web radio (dove ormai il presente e il futuro ci portano), senza compromessi e con il desiderio di dare uno spazio importante a questo genere tanto amato dal pubblico quanto vittima, ancora, di luoghi comuni. Abbiamo incontrato Max De Riu, storico dj di Rock FM, questa volta al timone di Rock ‘N’ Roll Radio, in qualità di direttore artistico.

Ciao Max. Rock ‘N’ Roll Radio. Come, perché e quando nasce.
Ciao Riccardo e ciao a tutti i lettori outune.net! L’idea di Rock ‘N’ Roll Radio nasce nel tempo, durante lunghe chiacchierate, all’interno del progetto Rock ‘N’ Roll, nell’ottica di creare qualcosa di ancora più ampio. Partendo dalla base di un locale (ormai diventati tre, ndr), abbiamo focalizzato un nuovo obiettivo, ossia legare il nostro marchio ad altre attività. La web radio è sicuramente tra queste. Il perché? Beh, è una scelta obbligata se vuoi. Creare una radio FM oggi è veramente difficile, anche se è sicuramente un progetto per il futuro. Se la web radio sfonderà, punteremo senza dubbio a creare anche una radio FM.

Come sarà?
Si tratterà di una radio vera e propria, nonostante useremo il web come mezzo di divulgazione e trasmissione. Non aspettatevi una radio a semplice rotazione musicale, perché avrete programmi, conduzioni, interazione con la gente, interviste e ospiti. Passeremo molta musica, ma anche tanti contenuti.

Quando partirà? Con chi?
Allora, finalmente possiamo dare una data! La radio partirà ufficialmente giovedì 1 Ottobre, ma sarà già attiva da questo giovedì 24 settembre. Sarà la settimana di collaudo, dove comunque capirete l’ossatura della radio e potrete ascoltare i programmi, le band emergenti live in diretta e non, e le migliori canzoni rock di ieri ed oggi. L’inaugurazione invece sarà una sorta di festa in onda, con tutti gli amici e con tutti coloro che vorranno fare parte di questo mondo.

Parliamo del formato e della conduzione. Con te ci sarà qualche dj di Rock FM? So che sono in molti a chiederselo…
Per quanto riguarda i dj di Rock FM, ci sarà una collaborazione con molti di loro. A livello autorale per chi è preso da troppi impegni, e a livello di conduzione per chi è riuscito a dare più disponibilità. In onda troverete Giulio Caperdoni con i programmi “Eclettica” e “Domino”, naturalmente ci sarà Edo Rossi e spero anche di avere Dj Ariel. Tuttavia il mio sogno, ed il mio progetto nel lungo periodo, è di avere tutta la squadra con me, in qualsiasi modo.

Che intento ha questa radio? Quali ambizioni?
L’ambizione è quella ovviamente di una crescita commerciale. Miriamo a diventare un punto di riferimento per tutti coloro che hanno voglia di rock. Ambiamo quindi ad aprire alle pubblicità, nonché a fornire servizi online quali l’acquisto di musica (magari direttamente del brano che stiamo trasmettendo), e ad avere un megastore. Il tutto sarà fatto però con il principio e la voglia di divulgare il linguaggio del rock, e non a semplice scopo di lucro. Non a caso daremo molto spazio alle band emergenti, che il giovedì sera si esibiranno nei nostri locali e i cui show saranno trasmessi in diretta. Manderemo inoltre molti dei loro brani, faremo interviste con le band, non solo con quelle famose. Vogliamo fare capire che “ci siamo”, e che da noi ci sarà sempre spazio per le nuove leve del rock. Abbiamo addirittura in progetto di espandere anche al martedì sera gli show degli emergenti. Vogliamo che le band abbiano visibilità sul web e che gli ascoltatori trovino qualcosa di nuovo in questi gruppi, e che tutti insieme vivano il mondo Rock ‘N’ Roll.

Credi che le web radio supereranno le radio FM?

Credo che nel futuro qualcosa accadrà sicuramente. Il tutto starà nel differenziare le web radio fatte da amatori, da quelle con un progetto editoriale a monte. In questo momento c’è molta confusione sul web a livello di diffusione della musica. E’ una cosa molto bella, perché tutti possono esprimersi liberamente, ma è anche “pericolosa” nel momento in cui ci si vuole identificare con qualcosa di preciso. Prima comunque che questo accada dovremo potere avere la rete libera, non pagare quindi ognuno una propria tariffa, avere internet nella nostra auto e potere scegliere che radio ascoltare da lì. Ci vorrà sicuramente del tempo, anni.

Piccola provocazione in chiusura. Fate questo perché in Italia, manca il Rock?
No vedi, in Italia il rock non manca affatto. Mancano i canali di diffusione. E’ proprio per questo che daremo spazio agli emergenti, oltre che ai rockers ormai affermati. C’è ancora poca conoscenza, in Italia, di quello che è il rock come genere musicale. Da alcuni è visto ancora come fenomeno negativo, sinonimo di droga ed alcool. Il realtà questo preconcetto è stato superato dai più, ma non da chi possiede gli spazi importanti. Guarda i concerti: il pubblico rock è numerosissimo: non parlo per forza dei Metallica, mi riferisco anche a Springsteen. Anche lui è uno del mondo rock. Esiste una fetta di mercato davvero grande che, per via dei preconcetti di cui abbiamo appena parlato, non è ancora stata sfruttata. Nella mia esperienza: quando avevo quindici anni eravamo una nicchia vera e propria, ora no. Ora c’è una massa che non si perde un concerto, tutti i migliori artisti passano da qui e i biglietti vengono esauriti in pochi giorni.

Concludi tu…
L’appuntamento è su www.rocknrollradio.it . Il nostro fiore all’occhiello sarà “dare spazio a chi non ne ha”. Non saremo scontati, non avremo paura di passare band “proibite”, e saremo “Rock”…al 100%.

Riccardo Canato
 

Condividi.