Sud Sound System live a Bologna

Il 6 maggio i Sud Sound System si esibiranno all'Estragon di Bologna, appuntamento importante per quella che è una realtà affermata nella musica italiana.
15 anni di attività non succedono a tutti, specialmente se seguiti e supportati da un successo, tanto di critica che di pubblico, che non ha mai accennato a diminuire un solo momento. Le origini del Sud Sound System risalgono al movimento italiano delle "posse", considerato oggi, forse, l’evento più dirompente e creativo che si sia verificato in Italia negli anni ’90, musicalmente parlando. A quel movimento, "antagonista" al tempo stesso tanto sul versante musicale che su quello più precisamente sociale, i Sud Sound System hanno aderito istantaneamente, anzi, possiamo dire che di quel movimento loro stessi sono stati una parte fondante e un’energia propulsiva di prim’ordine. "Fuecu/T’a sciuta bona", il loro primo singolo(1991), mette in luce sin da subito tutta la carica di una band che maneggia con incredibile padronanza di stile la tradizione dancehall giamaicana e al tempo stesso rivendica la propria appartenenza culturale scegliendo di esprimersi nella propria lingua, il salentino. La genuinita' di "Fuecu" e "T'a sciuta bona" farà salire la fama del gruppo e i concerti nel 1991 saranno veramente numerosi, così come le apparizioni in trasmissioni televisive e radiofoniche fra le quali "Avanzi", "Rai Stereo Notte". Poco dopo partecipano al "Festival delle Nuove Tendenze d'Autore" a Recanati (anch'esso trasmesso da Rai Stereo Notte). Nel 1992 escono due 12 pollici: uno con "Reggae Internazionale" e "Punnu Ieu", l'altro con "Turcinieddhri" e"Chiappalu". Questi nuovi brani diventeranno subito dei classici richiestissimi nei concerti che intanto si susseguono senza sosta. Tra il 1993 e il 1994 importanti tours li porteranno in giro per l'Europa, toccando Francia, Germania Svizzera e Inghilterra. Nei primi mesi del '94 producono "SALENTO SHOWCASE '94", cd-raccolta con molti dei cantanti che nella scena reggae salentina si andavano aggiungendo; l'album riceverà un buon successo e porterà a radicalizzare e diffondere ancor più il movimento reggae e raggamuffin nella propria terra.

L’impatto non poteva che essere deflagrante: e di fatto così è stato. Il Sud Sound System – composto da un gruppo di amici dai soprannomi significativi: Treble, Don Rico, Terron Fabio, GGD, Papa Gianni, Nandu Popu – ha colpito e affondato al primo tentativo, sfornando dopo una serie di singoli un incredibile primo album, "Comu na petra" (1996). Nell'aprile del 1997 esce un altro prodotto discografico dal nome "NO PLAYBACK", che contiene brani estratti dall'album "COMU NA PETRA" remixati da importanti artisti della scena reggae – hip hop non solo italiana, oltre ad un inedito dal titolo "Mena moi". Nel giugno del 1999 esce l'album "REGGAE PARTY" (ROYALITY/EDEL), che riscontra un ottimo successo di critica e vendite; e' inoltre presente su Internet sui siti di Vitaminic e Mpx. Sempre nel ‘99 sono stati impegnati per le registrazione di alcune scene che li vedono protagonisti del recente film di C. Comencini, "Liberate i pesci". Nel 2001 e' uscito a Luglio il nuovo album dal titolo "MUSICA MUSICA" (Royality/Edel), che il SSS propone in tour con la band BAG A RIDDIM.      
In novembre hanno pubblicato una canzone incisa per la squadra dell' U.S. Lecce, "Giallurussu". Il 2002 è caratterizzato da un nuovo tour di 50 date tra cui Germania e Slovenia. Il 6 giugno 2003 vede la luce il nuovo CD "LONTANO" (Salento Sound System/V2 Records), che raggiunge subito la classifica italiana tra i dischi più venduti. Da qui un susseguirsi di soddisfazioni per la band: il videoclip "Le Radici Ca Tieni" viene trasmesso in rotazione su Rete All Music, Rock Tv, MTV Brand New; La Targa Tenco per il miglior album in dialetto 2003 consegnata al Teatro Ariston di Sanremo lo scorso 23/10/2003; un tour completamente sold out in tutta Italia e un tour europeo iniziato lo scorso 23/04/2004 in Germania, Portogallo, Polonia, Lituania e Svizzera.  L’11 Giugno 2004 è uscita una raccolta degli ultimi tre album della band "FUECU SU FUECU", un’antologia che ripercorre la seconda fase della loro carriera dal 1997 al 2003 Nella raccolta sono presenti 2 brani inediti "Fuecu su Fuecu" e "Friscu de Sira".

2005. Il Sud Sound System torna a farsi sentire. Dopo un lungo tour il gruppo è tornato in studio per lavorare a nuove canzoni. "ACQUA PE STA TERRA" è il risultato di questo periodo di lavoro e ribadisce per l’ennesima volta tutta la straordinaria carica del gruppo, che ha  coinvolto nelle registrazioni alcuni importanti guest internazionali come la reggae-star Luciano (presente in "Now is the time"), Chico (nella title-track), Anthony Johnson (sua l’inconfondibile voce di "Jah Jah is calling") e General Levy (in "Nun te fa futtere"). Anticipato dall’uscita di un ottimo singolo come "Ciao amore" – splendida canzone che su un andamento giocoso affronta il tema tutt’altro che leggero della lontananza dal proprio paese d’origine – "ACQUA PE STA TERRA" vede Treble, Don Rico, Terron Fabio, GGD, Papa Gianni e Nandu Popu fare nuovamente sul serio, consegnando alle stampe un album che se da un lato si propone come una straordinaria sequenza di brani da reggae party, dall’altro non rinuncia a puntare l’indice sui grandi mali che minacciano la nostra quotidianità e, soprattutto, il nostro futuro. "ACQUA PE STA TERRA" sin dal titolo sottolinea un bisogno urgente, importante, immediato. Dare sollievo a un pianeta che viene quotidianamente abusato, eluso nella sue necessità vitali, mortificato. E’ un richiamo a un’importante e primaria legge di natura, incredibilmente disattesa ancora oggi, quando arrivano da più parti segnali chiari sulle conseguenze che tutto questo comporta.

Condividi.