Summertime alla Casa del Jazz di Roma, dall’1 al 31 luglio un’estate di concerti

Anche Christian McBride a Roma a luglio

Ritorna, come ogni estate, da mercoledì 1 luglio, Summertime, la rassegna di concerti all’aperto nello splendido parco della Casa del Jazz. Un cartellone ricco degli ormai consueti ingredienti della programmazione della Casa del Jazz: inaugurazione con i “Giovani Leoni” d’Italia e d’Europa, i grandi artisti italiani come Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani,Danilo Rea ,Paolo Damiani,Fabrizio Sferra.

Gli “altri suoni” del percussionista Leon Pantarei,il trio elettrico del pianista Marc Cary,la rivelazione dei Sinenomine  di Fulvio Maras, le nuove star americane come Dave Douglas,Christian McBride,Jeff Tain Watts, uno dei migliori nuovi talenti europei il pianista Baptiste Trotignon alla testa di  un quintetto comprendente il meglio della “NYC Scene”:Jeremy Pelt,Mark Turner,Eric Harland,Matt Penman.

Casa del Jazz: viale di Porta Ardeatina, 55
Info: 06/704731 www.casajazz.it
Relazioni con la stampa:
Maurizio Quattrini 338/8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

programma

mercoledì 1° luglio ore 21 (parco)
The Unknown Rebel Band
Mirko Rubegni, Fulvio Sigurtà trombe
Dan Kinzelman, Daniele Tittarelli, David Brutti sassofoni
Mauro Ottolini tuba, trombone
Giovanni Guidi pianoforte
Giovanni Maier contrabbasso
João Lobo batteria
Michele Rabbia percussioni
Ingresso euro 5

giovedì 2 luglio ore 21 (parco)
“Giovani Leoni Europei”

Kristian Brink Quartet (Svezia)
Kristian Brink sax tenore
Erik Lindeborg pianoforte
Tobias Grenholm contrabbasso
Paul Svanverg batteria

Noah’s Ark (Olanda)
Jasper van Damme sax alto
Boris Mogilevsky chitarra
Anne Bakker violino
Ulas Aksunger percussioni

Nicola Angelucci Quartet (Italia)
Paolo Recchia sax alto
Roberto Tarenzi pianoforte
Francesco Puglisi contrabbasso
Nicola Angelucci batteria

In collaborazione con l’Ambasciata di Svezia e l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi
Ingresso euro 5

venerdì 3 luglio ore 21 (parco)
“Giovani Leoni Europei”

Jakob Dreyer Trio (Germania)
Boris Netsvetaev pianoforte
Jakob Dreyer contrabbasso
Knud Feddersen batteria

Das Hammerklavier Trio feat. White Bird (Germania)
Florian Trübsbach sassofoni
Boris Netsvetaev pianoforte
Philipp Steen contrabbasso
Kai Lukas Bussenius batteria

Johannes Wennrich Quintett (Germania)
Johannes Wennrich chitarra
Claas Ueberschär tromba
Buggy Braune pianoforte
Phillipp Steen contrabbasso
Heinz Lichius batteria

In collaborazione con il Goethe-Institut Italien e la Fondazione Dr. E. A. Langner
Ingresso euro 5

sabato 4 luglio ore 21 (parco)
Leon Pantarei “Omparty”
Leon Pantarei tabla, bendìr, percussioni, voce
Pasqualino Fulco chitarre, sinth
Roberto Cherillo piano, organo,voce
Special guest
Luca Aquino tromba
Joseph Bowie trombone
Ingresso euro 5

venerdì 10 luglio ore 21 (parco)
Baptiste Trotignon Share Quintet
Mark Turner sax tenore
Jeremy Pelt tromba
Baptiste Trotignon pianoforte
Matt Penman contrabbasso
Eric Harland batteria
Ingresso euro 10

domenica 12 luglio ore 21 (parco)
Enrico Pieranunzi Trio
Enrico Pieranunzi pianoforte
Luca Bulgarelli contrabbasso
Mauro Beggio batteria
Ingresso euro 10

lunedì 13 luglio ore 21 (parco)
Christian Mc Bride and Inside Straight
Steve Wilson sax alto
Eric Reed pianoforte
Warren Wolf vibrafono
Christian McBride contrabbasso
Carl Allen batteria
Ingresso euro 10

mercoledì 15 luglio ore 21 (parco)
Sinenomine “Spartenza”
Fulvio Maras percussioni,elettronica
Alessandro Girotto chitarre
Marco Ceccato violoncello
Luca Casadei fisarmonica
Stefano Cesare contrabbasso
Pilar voce
Special guest Gianluigi Trovesi sax alto,clarinetto,clarinetto basso
Ingresso 10 euro

giovedì 16 luglio ore 21 (parco)
Trio ALI
“12 chains to the moon- liberamente ispirato a R.Buckminster Fuller”
Alfredo Ponissi sassofoni,flauti
Stefano Solani contrabbasso
Jimmy Weinstein batteria
Ingresso 5 euro

venerdì 17 luglio ore 21
Serata Scuola Popolare di Musica di Testaccio
Ingresso libero

sabato 18 luglio ore 21 (parco)
Rosario Giuliani/Joe Locke Quintet
Rosario Giuliani sax alto
Joe Locke vibrafono
Roberto Tarenzi pianoforte
Enzo Pietropaoli contrabbasso
Marcello Di Leonardo batteria
Ingresso euro 10

domenica 19 luglio ore 21 (parco)
Dave Douglas & Brass Ecstasy
Dave Douglas tromba
Vincent Chancey corno francese
Luis Bonilla trombone
Marcus Rojas tuba
Nasheet Waits batteria
Ingresso euro 15

lunedì 20 luglio ore 21 (parco)
Gonzales Piano Solo
Gonzales pianoforte
Ingresso euro 10
Con il Patrocinio dell’Ambasciata del Canada

martedì 21 luglio ore 21 (parco)
Fabrizio Sferra Trio
Giovani Guidi pianoforte

Francesco Ponticelli contrabbasso
Fabrizio Sferra batteria
Ingresso euro 10

martedì 22 luglio ore 21 (parco)
Cluster
Ingresso euro 5

23 luglio ore 21 (parco)
Marc Cary Focus Trio
Marc Cary pianoforte
David Ewell contrabbasso
Sameer Gupta batteria, tablas
Ingresso euro 5

venerdì 24 luglio ore 21 (parco)
Felt Music School presenta:

“Sisters not Misters” Big Band
Nicoletta Manzini sax alto, Julia Rogers trombone
Marta Marino, Marina Acerra, Chiara De Angelis, Monia Bevilacqua, Michela Lombardozzi sassofoni
Beatrice Mazza,  Elena Bianchi, Laura Camaglia, Silvia Livi trombe
Francesca Bongianni, Marzia  Nobili, Julia Rogers, Giorgia Capovivo tromboni
Raffaella Pescosolido pianoforte
Cristina Patrizi contrabbasso
Emanuela Monni batteria
Claudio Pradò direzione

“Felt Students 1st Big Band”
Nicoletta Manzini sax alto, Giulia Rogers trombone Stefano Di Grigoli sax tenore
Daniele Paolella, Nicoletta Manzini, Stefano Di Grigoli, Marcello Magrini, Marco Andreotti sassofoni
Daniele Arena , Beatrice Mazza,  Elena Bianchi, Enzo Abbate trombe
Andrea Angeloni, Francesca Bongianni, Pierpaolo D’Aprile, Julia Rogers tromboni
Luca Santarelli pianoforte
Marco Contessi contrabbasso
Angelo Di Veroli batteria
Angelo Schiavi direzione

Ingresso libero

sabato 25 luglio ore 21
Serata Percento Musica
Ingresso libero

domenica 26 luglio ore 21 (parco)
Saint Louis College of Music presenta:

Gianluca Figliola Trio
Gianluca Figliola chitarra
Paolo Scozzi contrabbasso
Claudio Sbrolli batteria

Camilla Noci Quartet
Camilla Noci voce
Gianluca Figliola chitarra
Luca Lepore basso
Claudio Sbrolli batteria

Ingresso libero

martedì 28 luglio ore 21 (parco)
Jeff “Tain” Watts Quartet
Marcus Strickland sax soprano
Lawrence Fields pianoforte
Christopher Smith contrabbasso
Jeff “Tain” Watts batteria
Ingresso euro 10

mercoledì 29 luglio ore 21 (parco)
Saint Louis College of Music presenta:

Laura Lala “Pure Songs”
Laura Lala voce
Sade Mangiaracina pianoforte
Paolo Scozzi contrabbasso
Roberto Giaquinto batteria

Mario Nappi Quintet
Mario Nappi  piano
Enrico Olivanti chitarra
Andrea Verlingieri sax tenore
Luigi Malcangi basso
Francesco Ciniglio batteria
Ingresso libero

giovedì 30 luglio ore 21 (parco)
Danilo Rea/ Paolo Damiani Duo
Danilo Rea pianoforte
Paolo Damiani violoncello
Ingresso euro 10

venerdì 31 luglio ore 21
Serata Scuola Popolare di Musica di Testaccio
Ingresso libero

Dalla sua inaugurazione, poco più di quattro anni fa, la Casa del Jazz ha sempre dato spazio ai giovani musicisti attraverso la rassegna “Giovani leoni”. Ad aprire ”Summertime” quest’anno, mercoledi 1 luglio, “The Unknown Rebel Band” il progetto ideato dal giovane pianista Giovanni Guidi e  giovedì 2 e venerdi 3 luglio, spazio ai  “Giovani leoni europei”,una mini-rassegna realizzata in collaborazione  con alcune istituzioni europee, come l’Ambasciata di Svezia e quella del regno dei Paesi Bassi e il Goethe Institut.Le serate daranno spazio a giovani formazioni d’Europa (per quest’anno Svezia, Olanda e Germania oltre, naturalmente, all’Italia), con l’intento e la speranza che nelle prossime stagioni il contenitore possa aumentare, nella durata, nelle formazioni ospitate e nei paesi partecipanti, e che magari possa essere anche esportato.
Il progetto “The Unknown Rebel Band” racconta attraverso la musica,storie di straordinaria libertà, lo spirito di ribellione e giustizia che attraversa e muove i popoli,dalla Liberazione d’Italia, alla Primavera di Praga, attraverso i desaparecidos argentini, la legge Basaglia – che sancì la fine della segregazione per migliaia di malati psichici – le lotte anticolonialiste in Sudafrica ed Algeria, la rivolta di Piazza Tien an Men- da qui la denominazione ” The Unknown Rebel “, dalla foto di  quel ribelle  sconosciuto in camicia bianca,davanti ai carri armati,entrato nell’immaginario collettivo attraverso una delle immagini più potenti della storia moderna – e la guerra civile spagnola del ’39. Arrivando al G8 e all’Onda studentesca. Al progetto partecipano dieci giovani musicisti, tra i più interessanti talenti che la scena musicale italiana: Giovanni Guidi pianoforte,Mirko Rubegni, Fulvio Sigurtà trombe,Dan Kinzelman, Daniele Tittarelli, David Brutti sassofoni,Mauro Ottolini tuba, trombone, Giovanni Maier contrabbasso ,João Lobo batteria,Michele Rabbia percussioni.Con il concerto verrà presentato l’omonimo cd in uscita per l’etichetta CamJazz.

“Giovani Leoni Europei” :Giovedi 2 luglio,tre concerti,  ad aprire le danze il quartetto svedese del sax tenore Kristian Brink ,a seguire il Noah’s Ark, un quartetto insolito formatosi al conservatorio di Rotterdam , in chiusura di serata la rappresentanza italiana, con uno dei batteristi e compositori più intraprendenti di oggi:  Nicola Angelucci  con il suo quartetto. Venerdì 3 luglio invece serata creata in collaborazione con il Goethe Institut , che vedrà esibirsi, come già nel 2008, le tre  band vincitrici delle borse di studio messe in palio dalla Fondazione Dr. E. A. Langner di Amburgo:Jacob Dreyer trio, Das Hammerklavier Trio con ospite White Bird e infine a chiudere Johannes Wennrich Quintet.
Sabato 4 luglio Leon Pantarei, multi percussionista calabrese alla guida del progetto Omparty, che pone all’attenzione del mondo del jazz e “dintorni” una nuova proposta discografica e live che si caratterizza per originalità ed impatto. Ospiti del concerto Joseph  Bowie, trombonista fratello del “mitico” Lester e Luca Aquino, giovane trombettista costantemente annoverato tra i migliori nuovi talenti del jazz italiano.
Venerdi 10 luglio Baptiste Trotignon “Share Quintet” guidato da uno dei più interessanti talenti pianistici europei spesso al fianco del nostro Di Battista,il francese Baptiste Trotignon,che annovera alcuni dei più interessanti musicisti della scena musicale newyorkese:Mark Turner sax tenore,Jeremy Pelt tromba,Matt Penman contrabbasso,Eric Harland batteria.
Domenica 12 luglio il trio guidato da uno dei grandi del jazz italiano:Enrico Pieranunzi,fresco vincitore del Top Jazz come miglior musicista italiano .Pieranunzi si presenta alla guida del suo nuovo trio,per la prima volta a Roma,con Luca Bulgarelli al contrabbasso e Mauro Beggio alla batteria.
Lunedi 13 luglio,il quintetto di Christian McBride,da diversi anni uno dei più brillanti e affermati contrabbassisti della scena jazzistica mondiale. Straordinario virtuoso del proprio strumento ha collaborato con molti nomi storici del jazz quali Ray Brown, McCoy Tyner, Joe Henderson, Betty Carter ,Michael Brecker, Pat Metheny e Chick Corea,ma anche con star della musica pop come Sting.
Mercoledi 15 luglio l’Ensemble Sinenomine,che presenterà “Spartenza” con ospite speciale Gianluigi Trovesi.Il progetto musicale Sinenomine nasce per iniziativa del chitarrista e compositore Alessandro Girotto e si sviluppa attraverso l’ incontro con la cantante Pilar ed il percussionista Fulvio Maras e fa  della ricerca sulla musica popolare, sul suono e sulla vocalità il proprio vessillo: musiche meticcie e migranti che  attraverso una  riscrittura e rilettura musicale, guidano l’ ascoltatore in luoghi e tempi sospesi, come a cercare nuove possibili geografie sonore.
Giovedì 16 luglio il trio ALI diretto dal sassofonista torinese Alfredo Ponissi propone con “12 steps to the moon”un interessante omaggio multimediale a Richard Buckminster Fuller,architetto e designer futurista americano.
Sabato 18 luglio è la volta  del quintetto guidato da Rosario Giuliani,al sax  e Joe Locke,al vibrafono con Roberto Tarenzi al pianoforte,Enzo Pietropaoli contrabbasso e Marcello Di Leonardo batteria.Rosario Giuliani è ormai uno dei più affermati musicisti italiani della scena italiana ed europea,Joe Locke è unanimente considerato il più straordinario vibrafonista della sua generazione,musicista in possesso di doti tecniche ed espressive davvero fuori dal comune, è un sublime virtuoso del proprio strumento e un artista di eccezionale vitalità, che ormai da molti anni continua con successo a proporre numerosi progetti, tutti caratterizzati da grande integrità artistica.
Dave Douglas ,sarà protagonista del concerto  in programma domenica 19 luglio.Il trombettista statunitense, uno dei maggiori protagonisti del jazz contemporaneo, si presenta con  la Brass Ecstasy che  allinea accanto al leader altri musicisti di elevata statura artistica.La formazione è un dichiarato omaggio all’indimenticabile Lester Bowie e la sua Brass Fantasy.Al fianco di Douglas,Vincent Chancey al corno francese,Luis Bonilla al trombone,Marcus Rojas alla tuba e Nasheet Waits alla batteria.Inutile forse sottolineare che si tratta del  concerto più importante di questa edizione di Summertime.
Lunedi 20 luglio un’autentica curiosità: il concerto,piano solo,di Gonzales, canadese residente a Parigi,artista poliedrico e visionario conosciuto soprattutto come produttore di due fenomeni rock come Feist e Peaches .Acclamato dal pubblico e dalla critica, si ispira al lavoro del pianista Erik Satie e lo condisce con una vena di surreale follia.
Martedì 21 luglio il trio di Fabrizio Sferra, batterista  di grande talento , con una lunga carriera alle spalle e un’ampia lista di collaborazioni con i migliori artisti del jazz italiano ed internazionale,per la prima volta con  un trio tutto suo. Ad accompagnarlo  ha voluto: il pianista  Giovanni Guidi e il contrabbassista  Francesco Ponticelli,due giovani talenti con un curriculum fitto di partecipazioni a festival, collaborazioni con grandi artisti ed entrambi leader di propri gruppi.
Mercoledì 22 luglio il giovanissimo gruppo vocale genovese “a cappella” dei Cluster,ispirati dai celeberrimi Take Six.
Giovedì 23 luglio,il trio di Marc Cary,considerato uno dei migliori pianisti delle ultime generazioni di jazzisti d’oltre Atlantico, arrivando ad  essere addirittura paragonato a colossi come Herbie Hancock e Randy Weston, con il suo trio presenta jazz acustico in cui il retaggio afro-americano si fonde con le tradizioni musicali dell’India, dell’Africa Occidentale e dei nativi americani.
Martedì 28 luglio il quartetto di Jeff “Tain” Watts,vera e propria icona sonora della batteria jazz, a tutt’oggi uno dei più notevoli e apprezzati jazzisti attivi sulla scena internazionale. Musicista di evidente carisma e innegabile personalità, Watts è uno degli esponenti del suo strumento dotati di maggiore consistenza e presenza musicale sul palco, in virtù di mezzi tecnici di valore assoluto e di non comuni doti di musicalità, intuito e sensibilità,accanto a un’esplosiva energia, a un’impressionante velocità esecutiva e alla completa padronanza di qualsiasi tempo e ritmo.In questo concerto  lo accompagnano  tre giovani eccellenti musicisti quali il sassofonista Marcus Strickland, il pianista Lawrence Fields, e il  contrabbassista Christopher Smith.
Giovedì 30 luglio, il duo pianoforte-violoncello composto da Danilo Rea e Paolo Damiani, due dei più importanti musicisti del  jazz italiano, che presenteranno un variegato repertorio con proprie composizioni originali e cover di artisti quali Fabrizio De Andrè, Chico Buarque e John Lennon.
All’interno del programma di Summertime  inoltre sono previste 7 serate che vedranno protagonisti gli allievi di alcune delle più importanti scuole di musica di Roma: Saint  Louis College Of Music, Scuola Popolare di Musica di Testaccio, Percento  Musica e Felt Music School.
L’attività della Casa del Jazz continua poi nel mese di agosto con la quarta edizione,a partire dal 1 agosto, del “ROMAN CLASSIC JAZZ FESTIVAL” diretto da Lino Patruno.

Condividi.