K.Lone Enchantment

Recensito da Jamyourself il 12 apr 2012

  • “Enchantment” è il titolo dell’album di K. Lone (già attivo col moniker Kletus Kaseday), al secolo Anacleto Vitolo, il quale […]
  • Outune Attitude:
  • 4/5
  • Genere: Electro Ambient
  • Anno: 2011
  • Enchantment” è il titolo dell’album di K. Lone (già attivo col moniker Kletus Kaseday), al secolo Anacleto Vitolo, il quale ha iniziato il suo percorso musicale nel 1998 come dj in ambito prevalentemente Hip Hop. In seguito l’artista cominciò ad interessarsi alla produzione musicale, partendo da produzioni per lo più di stampo rap.  Pian piano il suo stile si è allontanato sempre più da quelli che sono i clichè dell’hip hop, contaminandosi con l’elettronica, fino a giungere a quello che oggi si è concretizzato in un mix di elementi quali Industrial, Trip Hop, Glitch, Ambient e Noise. Le ultime produzioni dell’artista  sconfinano in territori quali quelli dell’elettronica minimale e della New Wave sperimentale. Tutto ciò è frutto dei vari ascolti, suggestioni assimilate e collaborazioni più o meno estemporanee in più di dieci anni di attività.
    K. Lone ci propone un lavoro che vede l’ambient, il glitch e l’elettronica Middle Europea come coordinate artistiche del progetto.  Riferimenti dell’artista sono gli Apparat, Ellen Allien, Modeselektor ed elementi di musica classica con suggestioni di archi e violini, presenti nella visionaria “Bon Voyage”, fino a lambire territori post-rock come in “Remember The First love”. Sommersi da beat elettronici, suoni lisergici e un’atmosfera sognate e rilassata, “Enchantment” dimostra di essere un titolo decisamente pragmatico. Elementi di Trip Hop e suoni eterei trasportano l’ascoltatore in un’altra dimensione e si è come ipnotizzati da undici tracce davvero di ottima fattura ad opera di un artista che ha saputo far proprie le varie ed innumerevoli esperienze in ambito musicale, creando così un mosaico di sonorità davvero stupefacente. I brani si susseguono l’uno dopo l’altro e beat dopo beat l’ascoltatore è trascinato delicantamente in un soffice vortice dal quale sarà difficile uscirne.

    Luigi Di Lorenzo

    Voto: 4 / 5
    © Riproduzione riservata. Outune.net
    Ultimi dischi
    Ultime interviste

    Commenta con facebook

    Buffer