Malvachimica Dipende Dai Giorni

2.5/5
“Dipende Dai Giorni” è il titolo dell’ EP di debutto di tre ragazzi toscani che rispondono al nome di Malvachimica, Ep che è composto da cinque brani semplici e diretti, cantati in lingua madre e riconducibili all’alternative rock e al post-grunge, due generi assai diffusi nell’underground italiano. La somiglianza col primo lavoro degli Zetema, ad

Dipende Dai Giorni” è il titolo dell’ EP di debutto di tre ragazzi toscani che rispondono al nome di Malvachimica, Ep che è composto da cinque brani semplici e diretti, cantati in lingua madre e riconducibili all’alternative rock e al post-grunge, due generi assai diffusi nell’underground italiano. La somiglianza col primo lavoro degli Zetema, ad esempio, è innegabile. Non c’è molto da segnalare, in fin dei conti: i pezzi sono tutti piuttosto diretti, sia le ballad (“Parlo Alle Allodole” più oscura e “sentita”, e “I Vigneti” brano lineare e influenzato dal country) che le tracce più offensive, come “Malcomune”, “L’isola”  e “Lo Zio D’America”.

Nel corso del disco le chitarre ruvide ed elettrificate si alternano a quelle acustiche, mentre la batteria e il basso svolgono il proprio ruolo di sezione ritmica senza emergere mai più di tanto. Ci sono centinaia di band in italia come questi Malvachimica, ma per chi amasse certe sonorità il prodotto potrebbe risultare gradevole, in quanto è suonato dignitosamente e registrato in modo più che decente. Niente di eccezionale da segnalare tuttavia, niente che mi abbia particolarmente emozionato, tutto nella norma.

Manuel Ghilarducci

Condividi.