[Acustico] Cristina Donà – Piccola Faccia (2008)

/5
Piccola faccia – L’aridità dell’aria – Goccia – Salti nell’aria – Settembre – Sign your name – Mangialuomo – Stelle buone – I’m in you – Dove sei tu – Nel mio giardino – Universo www.cristinadona.itwww.emimusic.it Dopo il disco della definitiva maturità, l’eccellente “La Quinta Stagione”, Cristina Donà fa uscire questo piacevole lavoro acustico, in

Piccola faccia – L’aridità dell’aria – Goccia – Salti nell’aria – Settembre – Sign your name – Mangialuomo – Stelle buone – I’m in you – Dove sei tu – Nel mio giardino – Universo

www.cristinadona.it
www.emimusic.it

Dopo il disco della definitiva maturità, l’eccellente “La Quinta Stagione”, Cristina Donà fa uscire questo piacevole lavoro acustico, in cui reinterpreta una selezione dei suoi pezzi, con l’aggiunta di un paio di cover.
A un primo ascolto si rimane un po’ spiazzati, le atmosfere sono molto rarefatte e la voce sottile di Cristina sembra a tratti troppo esile per sostenere da sola il peso delle canzoni, risultando troppo isolata senza i consueti tappeti strumentali.
Ma con gli ascolti si inizia ad apprezzare la classe dei pur minimali arrangiamenti, il prezioso lavoro di chitarra, e soprattutto la bellezza dei pezzi, che pur scarnificati mantengono intatta tutta la loro forza. Il disco insomma entra dentro piano piano e cresce con gli ascolti. Tra le due cover “Sign Your Name” funziona benissimo con la sua base bossanova, mentre “I’m In You” risulta un po’ noiosa. Anche il duetto in “Settembre” con Giuliano Sangiorgi dei Negramaro non convince, principalmente proprio per la voce maschile che si inserisce in maniera stridente nella dolcezza di tutto il resto del disco. In definitiva un gran disco di un nome di punta della musica italiana, che dimostra di avere una ottima versatilità, oltre al grande talento che già conoscevamo.

Samuele Rudelli

 

Condividi.