[Alternative Rock] Marlene Kuntz – Uno (2007)

 /5
Canto – Musa – 111 – Canzone ecologica – Fantasmi – La ballata dell’ignavo – Abbracciami –  Sapore di miele – Canzone sensuale – Negli abissi fra i palpiti – Stato d’animo – Uno www.marlenekuntz.comwww.emimusic.it “L’amore. Due persone in una, un solo pensiero, una sola ombra che cammina, ecco perché esiste un solo numero: UNO!


Canto – Musa – 111 – Canzone ecologica – Fantasmi – La ballata dell’ignavo – Abbracciami –  Sapore di miele – Canzone sensuale – Negli abissi fra i palpiti – Stato d’animo – Uno

www.marlenekuntz.com
www.emimusic.it

“L’amore. Due persone in una, un solo pensiero, una sola ombra che cammina, ecco perché esiste un solo numero: UNO! E l’amore moltiplica infinite volte questa unicità.” Ruota tutto attorno a questa frase di Vladimir Nabokov il nuovo album dei Marlene Kuntz, l’amore visto nella sua interezza, da tutti i punti di vista, da quello gentile, delicato, fisico, fino a quello terribile, tragico del delitto passionale. Musica e letteratura vanno a braccetto, giocano, si sfiorano, basta aprire il booklet per trovare contributi di grandi scrittori quali Lucarelli, Benni, Brizzi, per citarne alcuni, che si sono cimentati nella loro personale interpretazione dei temi proposti dai titoli dei brani.
Tutto questo però sarebbe ben poca cosa se non ci fosse quella base musicale che riesce a fondere e dare unità al tutto. Probabilmente “S-Low” è stato in qualche modo propedeutico per imparare a porre un’attenzione estrema agli arrangiamenti, se sentirete un contrabbasso che vi farà sobbalzare per la sua impetuosa delicatezza, sappiate che è di un “certo” Greg Cohen (John Zorn vi dice nulla?), così come il pianoforte che accompagna “Musa” è del nostro Paolo Conte, insieme ai contributi di Vittorio Cosma e Igor Sciavolino ad arricchire brani dal suono tipicamente Marlene Kuntz, che non viene messo in secondo piano, ma anzi esaltato una volta di più.

L.N.

Condividi.