[Cantautorato] Cristiano De Andrè – De Andrè Canta…

/5
  [Cantautorato] Cristiano De Andrè – De Andrè Canta De Andrè (2009) Megu Megun – ‘A Cimma – Ho Visto Nina Volare – Se Ti Tagliassero A Pezzetti – Smisurata Preghiera – Verranno A Chiederti Del Nostro Amore – Amico Fragile – La Canzone Di Marinella – Quello Che Non Ho – Fiume Sand Creek

 

[Cantautorato] Cristiano De Andrè – De Andrè Canta De Andrè (2009)

Megu Megun – ‘A Cimma – Ho Visto Nina Volare – Se Ti Tagliassero A Pezzetti – Smisurata Preghiera – Verranno A Chiederti Del Nostro Amore – Amico Fragile – La Canzone Di Marinella – Quello Che Non Ho – Fiume Sand Creek – Il Pescatore

http://www.cristianodeandre.com/
http://www.mt-operaandblues.it/

Portare il cognome De Andrè non dev’essere assolutamente stato facile per la carriera di questo artista, per il quale il paragone con le canzoni del padre da parte di pubblico e critica è sempre venuto spontaneo, e il giovane cantante ne è sempre uscito suo malgrado ammaccato.
Questo 2009, che ha visto le celebrazioni del decennale della scomparsa del grande Faber, ha portato alle stampe diversi tributi, trasmissioni, libri e dischi dedicati alla memoria di uno dei maggiori compositori italiani, e anche Cristiano ha voluto omaggiare la memoria del padre portando in giro per l’Italia un tour in cui ha interpretato le creazioni del grande cantautore. Da questo tour il CD che mi appresto a recensire.

Ammetto di aver avuto qualche timore nell’avvicinarmi a questo album, in quanto di tributi ne sono stati fatti effettivamente molti, ma di prodotti di qualità ne ho sentiti proprio pochi; lo stesso live della PFM non mi aveva particolarmente entusiasmato.
Invece il lavoro di Cristiano mi ha piacevolmente sorpreso, a cominciare dalla scelta dei pezzi, che non sono proprio fra i più classici del repertorio: decisione molto coraggiosa sotto un certo punto di vista.
In secondo luogo mi hanno colpito gli arrangiamenti, molto ben studiati. Non stravolgono lo spirito dei pezzi originali, ma allo stesso tempo li fanno vivere di vita nuova, con delle spruzzate di rock, non inedite (il live con la PFM del ‘79 ne è la testimonianza), ma in ogni caso originali e suonate con estrema perizia.

Si parte subito con una buona versione di “Megu Megun”, dove i musicisti danno immediatamente prova della loro abilità, per poi arrivare ad un’ottima e sentita interpretazione di “Ho visto Nina volare”, in cui i primi stacchi rock si fanno sentire, con un ritornello molto intenso e passaggi strumentali davvero azzeccati.
Tutto il disco è un’alternanza di pezzi più melodici e introspettivi con semplici accompagnamenti di pianoforte (“Verranno a chiederti del nostro amore”, “Amico fragile”), e brani quasi completamenti riarrangiati, nei quali il rock la fa da padrone (“Quello che non ho”, “Fiume Sand Creek”, “Il pescatore”).

La cosa che però più impressiona dell’intera opera è la voce di Cristiano, che in più punti è identica a quella del padre. La somiglianza è davvero sbalorditiva, tanto che a volte sembra proprio di sentir cantare il compianto Fabrizio. La sola differenza fra i due è che Cristiano canta in modo più pulito e meno roco rispetto a quello di De Andrè senior, ma il timbro è assolutamente il medesimo.

Ad arricchire il tutto un DVD bonus con filmati estratti dalle varie date del tour che nel corso del 2009 è stato portato in giro per l’Italia, e dal quale è stato in seguito estratto questo disco.

Un prodotto davvero intenso, ricco di sentimento e passione, che l’artista riesce a trasmettere a pieno all’ascoltatore e che non può assolutamente mancare nella discografia di tutti gli appassionati del cantautore ligure.

Corrado Riva

Condividi.