[Cantautorato] Silvia Mattia – Ama! (2009)

/5
  Ama – Mandami Un Messaggio – Se La Verità – Il Sogno Di Riaverti Qui – Il Profumo Della Vita – I Fiori Bianchi Del Deserto – Miliardi Di Stelle – Una Volta Ancora – Io Sotto La Pioggia – Non Avresti Dato Un Soldo – Te Voglio Bene – Quando Ti Vedrò A

 

Ama – Mandami Un Messaggio – Se La Verità – Il Sogno Di Riaverti Qui – Il Profumo Della Vita – I Fiori Bianchi Del Deserto – Miliardi Di Stelle – Una Volta Ancora – Io Sotto La Pioggia – Non Avresti Dato Un Soldo – Te Voglio Bene – Quando Ti Vedrò A Settembre – La Giostra Dei Vorrei

http://www.egeamusic.com/

I dischi d’esordio dei cantautori sono spesso dei lavori talmente manieristici da far sprofondare i propri artefici in quel mare magnum della mediocrità che è diventato, purtroppo, il mondo del cantautorato nostrano. Fortunatamente ci sono eccezioni come Ama!, l’album di debutto di Silvia Mattia.

Silvia, con la sua voce preparata, fresca e solare, riesce ad essere convincente sia quando affronta brani vicini alla più classica delle tradizioni contautorali (Ama, Il Sogno Di Riaverti) sia quando si avventura in territori più particolari come i toni jazz tinti di atmosfere sudamericane (Mandami Un Messaggio, Miliardi Di Stelle), le ballad atmosferiche e delicate (Il Profumo Della Vita, Una Volta Ancora), le ricercatezze orchestrali (I Fiori Del Deserto), la canzone napoletana (Te Voglio Bene) o gli accenni rock (Non Avresti Dato Un Soldo).

Come è facilmente intuibile, il disco è ricco di approcci diversi che rendono l’ascolto tutt’altro che noioso e con quella marcia in più rappresentata dalla personalità vocale di Silvia che riesce a far brillare e funzionare anche i momenti più tradizionali presenti nel disco. I margini di miglioramento comunque non mancano, poiché la proposta, per quanto variegata, gravita sostanzialmente all’interno di quello che ci si può aspettare da un disco del genere.  Non guasterebbero soluzioni e trovate più ardite che vadano a forzare (e ampliare) i canoni della canzone italiana.

Se è nata una stella sarà solo il tempo a dircelo, per ora godiamoci questo esordio.

Stefano Di Noi

Condividi.