[Hip Hop/Pop] Ufficio Sinistri – La teoria …

/5
[Hip Hop/Pop] Ufficio Sinistri – La teoria di Kasparov (2008) Santo – Vai che ti passa – La paura della gente – Quello che stai cercando – La strada è chiusa – Tosta – Droga – Tutto molto strano – Niente è per sempre – Tigre in una gabbia – Ad occhi aperti all’insaputa –

[Hip Hop/Pop] Ufficio Sinistri – La teoria di Kasparov (2008)

Santo – Vai che ti passa – La paura della gente – Quello che stai cercando – La strada è chiusa – Tosta – Droga – Tutto molto strano – Niente è per sempre – Tigre in una gabbia – Ad occhi aperti all’insaputa – Elefanti.
 
Myspace della band
Etichetta discografica

Difficile non pensare a Fantozzi la prima volta che si sente parlare degli Ufficio Sinistri, come difficile è ascoltare il loro primo album senza rimanere un po’ scossi. Innanzitutto per la proposta musicale che unisce la veemenza del punk con l’abrasività dell’hip hop e poi per la freschezza con la quale irrompono in un panorama spesso statico come quello nostro.
Con “La Teoria Di Kasparov” il duo, composto da Biko (Roberto) e Malox (Andrea), due ragazzi milanesi di 23 e 24 anni, intende mettere in luce e smascherare tutte le lacune della nostra società e le paure che ne derivano per la gente comune. Il tema sociale è di certo il più presente nell’album fin dal primo singolo intitolato “La paura della gente” e la figura del pedone tanto cara al gruppo non è altro che la metafora di ognuno di noi, della gente comune che finisce per difendere una società che comunque la manovra.
“La Strada E’ Chiusa”, scelta come secondo singolo, è una sorta di ballad (ma solo a livello musicale), mentre il terzo,“Santo”, punta il dito contro chi appare in un modo pur essendo completamente diverso nell’anima. Un bell’esordio.

Luca Garrò

Condividi.