[Jazz Pop] Norah Jones – Not Too Late (2007)

 /5
Wish I Could – Sinkin' Soon – The Sun Doesn't Like You – Until The End – Not My Friend – Thinking About You – Broken – My Dear Country – Wake Me Up –  Be My Somebody –  Little Room – Rosie's Lullaby – Not Too Late. www.norahjones.com www.bluenote.com Facile prendersela con Norah Jones.


Wish I Could – Sinkin' Soon – The Sun Doesn't Like You – Until The End – Not My Friend – Thinking About You – Broken – My Dear Country – Wake Me Up –  Be My Somebody –  Little Room – Rosie's Lullaby – Not Too Late.

www.norahjones.com
www.bluenote.com

Facile prendersela con Norah Jones.
2 dischi pubblicati, 18 milioni di dischi venduti, figlia d’arte, stampa mainstream che non fa altro che osannarla, musica patinata ma appetibile… ci sono tutti gli ingredienti per farsela stare antipatica.
Lei però continua per la sua strada, e che altro potrebbe fare? Si è presa il suo tempo e ha confezionato insieme al compagno e chitarrista Lee Alexander un nuovo disco in cui la formula di base non cambia, pop jazzato molto raffinato e patinato, ma riesce comunque ad aggiustare il tiro. La chitarra ha assunto un ruolo più centrale, visto che Lee è anche co-autore della maggior parte dei brani, e alle consuete canzoni dolci ed eteree è stato aggiunto qualche allegro divertissement come “Sinkin' Soon”, che strizza l’occhio al dixieland. Insomma per una che è una superstar in un genere abituato a prendersi fin troppo sul serio ci ha messo una buona dose di understatement, e ciò è sempre apprezzabile.
La voce è quella di sempre, molto bella ma mai davvero emozionante, mai davvero all’altezza dei paragoni altisonanti che vengono molto spesso scomodati. In ogni caso un disco di buona qualità e di ottima fattura. Se tutto ciò che è mainstream fosse di questo livello vivremmo in un mondo migliore.

S.R.

Condividi.