[Jazz/Pop] Chiara Civello – 7752 (2010)

/5
www.chiaracivello.com www.universalmusic.it C’è Roma, città natale di Chiara, c’è New York, metropoli dove vive e dove ha iniziato la sua carriera, c’è Rio De Janeiro, dove questo disco è venuto alla luce. Tre città, tre anime, la cui intersezione traccia le coordinate di “7752”. Il disco si sviluppa in 10 tracce, sempre sottilmente a cavallo


www.chiaracivello.com
www.universalmusic.it

C’è Roma, città natale di Chiara, c’è New York, metropoli dove vive e dove ha iniziato la sua carriera, c’è Rio De Janeiro, dove questo disco è venuto alla luce. Tre città, tre anime, la cui intersezione traccia le coordinate di “7752”.

Il disco si sviluppa in 10 tracce, sempre sottilmente a cavallo fra il pop e il jazz. Melodie all’italiana divengono mature grazie ad un approccio formalmente rigoroso figlio degli Stati Uniti e il tutto vive letteralmente del calore e della magia tipica del Sud America.

La vocalità ormai ben matura di Chiara ci porta per mano attraverso atmosfere vellutate e sensuali, accompagnata in questo viaggio da musicisti di tutto rispetto come Jaques Morelenbaum (già con mostri sacri come Jobim, Gil e Veloso) al violoncello, Mauro Refosco (Byrne e Yorke) alle percussioni, Marc Ribot e Guilherme Monteiro alle chitarre.

Provare per credere.

Stefano Di Noi

Condividi.