[Pop] Dido – Safe Trip Home (2008)

/5
  Don’t believe in love – Quiet times – Never want to say it’s love – Grafton Street – It comes and it goes – Look no further – Us 2 little gods – The day before the day – Let’s do the things we normally do – Burnin’ love – Northern skies http://www.didomusic.comhttp://www.sonybmg.comTorna dopo

 

Don’t believe in love – Quiet times – Never want to say it’s love – Grafton Street – It comes and it goes – Look no further – Us 2 little gods – The day before the day – Let’s do the things we normally do – Burnin’ love – Northern skies

http://www.didomusic.com
http://www.sonybmg.com

Torna dopo qualche anno Dido, che decisamente dosa con parsimonia le uscite discografiche: quasi 10 anni sono passati da quando è stata miracolata dal campionamento di Eminem, e questo è solo il terzo disco. Lo stile non è cambiato, il pop elettronico minimale e delicato che ha caratterizzato i primi due dischi viene qui riproposto senza nessun cambiamento. Eppure funziona ancora molto bene: mancano forse singoli che catturino veramente, ma il disco riesce a creare una atmosfera intima e malinconica molto gradevole, più matura e consapevole che mai.

Più presenti rispetto al passato gli strumenti veri, archi e fiati che contrappuntano qua e là i brani, ma senza mai essere in primo piano: al centro c’è sempre la voce calda di Dido con le sue melodie.

Samuele Rudelli

Condividi.