[Pop] Gianna Nannini – Pia Come La Canto Io (2007)

 /5
La Divina Commedia – Dolente Pia – Mura mura – Non c’è più sole – Contrasto – Le corna – La gelosia – Dolente Pia (Voce prigioniera) – Testamento – Settimanima – Meravigliati i boschi. www.giannanannini.comwww.universalmusic.it Dev’esserci un amore viscerale che accomuna un po’ tutti i toscani, quello per Dante. Dante orgoglio d’Italia, Dante poeta


La Divina Commedia – Dolente Pia – Mura mura – Non c’è più sole – Contrasto – Le corna – La gelosia – Dolente Pia (Voce prigioniera) – Testamento – Settimanima – Meravigliati i boschi.

www.giannanannini.com
www.universalmusic.it

Dev’esserci un amore viscerale che accomuna un po’ tutti i toscani, quello per Dante. Dante orgoglio d’Italia, Dante poeta toscano, Dante a teatro (con il suggestivo spettacolo di Benigni) e ora Dante in musica grazie alla toscana più verace e fiera: Gianna Nannini. Quest’ultimo album, intitolato “Pia come la canto io” è il proseguo di un percorso iniziato anni fa nato dall’incontro con la scrittrice, toscana ovviamente, Pia Pera che scrive versi in forma di “ruscello in ottava rima” proprio su “Pia de’ Tolomei”, personaggio del V canto dell’Inferno dantesco. Le due sono accomunate dall’amore per la poesia, per la Divina Commedia, per Pia, bellissima giovane che viene rinchiusa nel castello di Maremma dal marito per una presunta (e falsa) infedeltà.

In queste 11 canzoni Gianna racconta l’amore, la rabbia, la gelosia, e lo fa con una veste musicale tutta nuova. Gioca e sperimenta con il rock, il pop, stacchi elettronici, archi meravigliosi e la sua voce graffiante che può rendere profondo persino un pezzo come “Le corna” che, apparentemente, di profondo ha ben poco…e, in effetti, è l’unico pezzo dell’album che non convince molto. Ma, per gli appassionati,  Gianna è così, parla chiaro e non gira intorno a niente, le parole le sputa fuori esattamente come le pensa.

Questo disco è frutto di un grande lavoro di ricerca dei suoni “giusti”, degli strumenti che più si potevano avvicinare al tempo di Pia, come il liuto, per il quale Gianna è volata fino in Iran per registrarne il particolare suono medievale. Alcune tracce sono una parte del processo narrativo su Pia, altre si possono ascoltare a prescindere dalla storia del personaggio, ma tutte sono intrise dalla passione che la cantante trasmette in ogni singola nota. Insomma questo piccolo gioiellino tutto italiano, dal 27 aprile (data dell’uscita dell’album), ha già riscosso uno gran successo, aggrappandosi al quarto posto delle classifiche di vendita, dimostrando che, fortunatamente, gli italiani sanno ascoltare anche qualcosa di più costruito che i soliti, elementari tormentoni. Aspettiamo con trepidazione, quindi, che parta il tour alla fine dell’estate, dove sappiamo che Gianna non sarà sola ma avrà ospiti particolari con lei sul palco, per questi live tutti, interamente e come poteva essere diversamente, dedicati alla Pia.

V.M.

Condividi.