[Pop] Good Charlotte – Cardiology (2010)

good charlotte cardiology /5
http://www.goodcharlotte.com/ Demolire “Cardiology”, nuovo parto travagliato (registrato, cestinato e riregistrato per volere della stessa band) degli statunitensi Good Charlotte, è più facile di rubare in Chiesa. Dopo un discreto esordio, la band dei gemelli Madden non è mai riuscita a raggiungere un costante e buon livello qualitativo: tante vendite, ma rare gemme a livello musicale



http://www.goodcharlotte.com/

Demolire “Cardiology”, nuovo parto travagliato (registrato, cestinato e riregistrato per volere della stessa band) degli statunitensi Good Charlotte, è più facile di rubare in Chiesa. Dopo un discreto esordio, la band dei gemelli Madden non è mai riuscita a raggiungere un costante e buon livello qualitativo: tante vendite, ma rare gemme a livello musicale come, ad esempio, la famosa “I just wanna live” che nella sua innocua immediatezza è un pezzo molto carino e ben arrangiato.

Il nuovo “Cardiology” è un disco brutto: costruito ad hoc per sfondare, come buona parte dei dischi pop punk, ma senza quel piccolo passo che separa i grandi act (es. Green Day) da tutto il resto. Brevemente: la consapevolezza che prima o poi bisogna smetterla di parlare di cazzate e si deve maturare. Testi scialbi e stereotipati (terribile l’inizio di “Counting the days”) e ben poca roba dal lato musicale. Aggiungete che i Nostri, quando si mettono a fare qualcosa di palesemente radiofonico, sono in grado di fare uno scivolone clamoroso: il coretto di “Sex on the radio” è un ottimo esempio.

Una sola unica luce nel mare di ombra chiamato “Cardiology”: “Silver screen romance” è una bella canzone, con un ritornello esplosivo e nel quale risaltano tutti i punti di forza che hanno trascinato di peso i Good Charlotte nel gotha del pop punk mondiale. E, probabilmente, sarà l’unica canzone rimasta in tracklist, per puro caso, dall’originale disco cestinato.

Nicola Lucchetta

Condividi.