[Pop – R’nB] Rihanna – Good Girl Gone Bad (2007)

 /5
Umbrella – Push Up On Me – Don't Stop The Music – Breakin' Dishes – Shut Up and Drive – Hate That I Love You – Say It – Sell Me Candy – Lemme Get That – Rehab – Question Exisiting – Good Girl Gone Bad http://www.defjam.com/site/artist_home.php?artist_id=586http://www.defjam.comhttp://www.universalmusic.it/pop/ La patata in questione è originaria delle Barbados,


Umbrella – Push Up On Me – Don't Stop The Music – Breakin' Dishes – Shut Up and Drive – Hate That I Love You – Say It – Sell Me Candy – Lemme Get That – Rehab – Question Exisiting – Good Girl Gone Bad

http://www.defjam.com/site/artist_home.php?artist_id=586
http://www.defjam.com
http://www.universalmusic.it/pop/

La patata in questione è originaria delle Barbados, ha come santo protettore Jay-Z e ha lavorato per questo ultimo album con Timbaland e con Ne-Yo. Diciamo anche che ha 19 anni e ha pubblicato tre dischi. Insomma se siete svegli avete già capito che Rihanna è l'ennesima popstar creata a tavolino per far successo. E' gnocca, si muove bene e nei video fa sicuramente sbavare una massa considerevole di omoni interessatissimi alla sua musica.

Bisogna ammettere che questo "Good Girl Gone Bad" è un disco piacevole per chi cerca qualcosa di totalmente disimpegnato e che resti in testa dopo neanche un ascolto, anzi dopo un solo minuto di ogni singolo brano. Ci sono spunti dance ed elettronici, i pezzi sono diversi tra loro ma incredibilmente lineari se presi singolarmente. La mega hit estiva "Umbrella" non ha tratti particolarmente rilevanti, interessante invece il pop rock di "Shut Up And Drive" e la lenta "Rehab". Non ci sono però momenti in cui si possa apprezzare la timbrica della cantante, quasi attenta a non cambiare eccessivamente il registro tra un pezzo e l'altro, il che lascia dubbiosi sulle effettive capacità di Rihanna: in queste produzioni industriali, l'unica cosa su cui vale la pena soffermarsi è proprio l'ugola della protagonista, per trovare almeno qualcosa che la differenzi dal piattume della scena e per provare a rimanere in un contesto musicale e non di marketing.

Insomma, classico disco per le masse come abbiamo già sottolineato sopra, infiocchettato e prodotto alla grande, con promozione gigantesca e immagine della singer curata nei minimi dettagli. La musica però è un'altra cosa, questo cd sa troppo di plasticaccia.

I.P.

Condividi.