[Pop] Yumiko – Lividi (2008)

 /5
L’Imbarazzo Della Seconda Scelta – Ego – Lividi – Please – Ogniqualvolta – Neutrale – Nice Day – Pas Q – L’Uomo Con La Porta – Anestetico http://www.yumikomusic.com/http://www.blackcoffee-records.com/ Nei Yumiko si notano molti tratti della musica italiana di oggi. Parlo di quelli che ne minano la credibilità dalle fondamenta, lasciando da parte la passione e


L’Imbarazzo Della Seconda Scelta – Ego – Lividi – Please – Ogniqualvolta – Neutrale – Nice Day – Pas Q – L’Uomo Con La Porta – Anestetico

http://www.yumikomusic.com/
http://www.blackcoffee-records.com/

Nei Yumiko si notano molti tratti della musica italiana di oggi. Parlo di quelli che ne minano la credibilità dalle fondamenta, lasciando da parte la passione e il trasporto che se ne può profondere al suo interno. Le caratteristiche sono: voglia di emulare, eccessiva leccataggine, ricerca spasmodica dell'orecchiabilità forzata da singolo radiofonico.
E purtroppo il gruppo padovano, fondato nel 2001 e partito inizialmente con il nome Fujiko, infonde nel proprio disco più le melodie catchy (e alcune vanno sicuramente a segno), facendolo apparire alla fine come prevedibile e precostruito troppo a tavolino. Le lande toccate vagano da certa emozionalità dei Lacrus direzionato sia tra le braccia dei Depeche Mode più accessibili che tra quelle dei Subsonica.
Quello che investe "Lividi" è comunque il sogno del pop da classifica, che crea così un livellamento (o appiattimento) delle melodie e degli strumenti in esse coinvolte. Senza dover giudicare il fine artistico che ognuno si prefigge, in questo caso proprio la dipendenza dal fine ha annacquato la materia musicale.

L.F.

Condividi.