[Remix] Yoko Ono – Yes I’m A Witch (2007)

 /5
Witch Shocktronica Intro – Kiss Kiss Kiss – O’Oh – Everyman…Everywoman – Sisters O Sisters – Death Of Samantha – Rising / DJ Spooky – No One Can See Me Like You Do – Yes I’m A Witch – Revelations – You And I – Walking On Thin Ice – Toy Boat – Cambridge 1969/2007

Witch Shocktronica Intro – Kiss Kiss Kiss – O’Oh – Everyman…Everywoman – Sisters O Sisters – Death Of Samantha – Rising / DJ Spooky – No One Can See Me Like You Do – Yes I’m A Witch – Revelations – You And I – Walking On Thin Ice – Toy Boat – Cambridge 1969/2007 – I’m Moving On – Witch Shocktronica Outro – Shiranakatta (I Didn’t Know)

www.yoko-ono.com
www.emimusic.it

“Yes, I’m A Witch”, già dal titolo piace: gioca infatti, con molta ironia, proprio su tutta la serie di malelingue e dicerie che hanno accompagnato la vita artistica e non della vedova più illustre del rock. Oltre ad essere considerata, ingiustamente, la causa dello scioglimento dei Beatles, Yoko Ono è stata un’icona della musica d’avanguardia della fine degli anni sessanta e, come tale, si porta dietro un considerevole numero di adepti. Molti di questi sono proprio stati scelti dalla stessa Ono per la pubblicazione di un album che racchiude più di una sorpresa. Innanzitutto piace la scelta di alcuni nomi che non credevo considerassero fonte d’ispirazione l’artista nipponica: Porcupine Tree e Craig Amstrong su tutti. I Porcupine Tree, con la rilettura acustica della bella “Death Of Samantha”, rappresentano anche il punto più alto del disco, che alla lunga appare tuttavia discontinuo. Se infatti altre perle non mancano come appunto la conclusiva “Shiranakatta” di Craig Amstrong o la fantastica interpretazione di “Toy Boat” regalataci da uno strepitoso Antony, va detto che nell’insieme si poteva osare di più, ripescando anche da materiale meno noto o più sottovalutato. A convincere meno è forse il nome più atteso dell’album, quella Peaches che ero molto curioso di sentire all’opera su “Kiss Kiss Kiss”: il pezzo risulta scontato e poco incisivo, meglio recuperare l’originale!

L.G.

Condividi.