[R’nB] Janet Jackson – Discipline (2008)

 /5
I.D. – Feedback – Luv – Spinnin – Rollercoaster – Bathroom Break – Rock With U – 2nite – Cant Be Good – 4 Words – Never Letchu Go – Truth Or Dare – Greatest X – Good Morning Janet – So Much Betta – Play Selection – The 1 (feat. Missy Elliot) – Whats


I.D. – Feedback – Luv – Spinnin – Rollercoaster – Bathroom Break – Rock With U – 2nite – Cant Be Good – 4 Words – Never Letchu Go – Truth Or Dare – Greatest X – Good Morning Janet – So Much Betta – Play Selection – The 1 (feat. Missy Elliot) – Whats Ur Name – The Meaning – Discipline – Back – Curtains

www.janet-jackson.com
www.miss-janet.com
www.islandrecords.com

Dopo il mega flop di “20 Y.O.” del 2006 (lavoro super pubblicizzato ma stroncato da pubblico e critica) la cantautrice statunitense molla etichetta discografica e vecchi produttori ed esce con il suo decimo album di inediti “Discipline”.
Peccato che la Jackson non abbia abbandonato lo stile del precedente lavoro: siamo sempre lì a basi banali e noiose, canzoni create più che altro per i balletti dei video. Risultato un album un po’ confuso tra l’r&b e sottofondi elettro-dance che si mescolano tra loro e nient’altro.
In più non si capisce perché i titoli debbano essere scritti a quel modo, adesso ricomincio a scrivere TVTUMDB, Xsempre, 4ever e cose simili…

In sintesi rimane in mente ben poco di questo album, il “sexy, sexy, sexy…” ripetuto all’infinito in “Feedback”, le già citate basi elettroniche e voci distorte, esempio calzante è “So Much Betta”, con mille filtri tipo computer (sentendo l’intro mi è venuto in mente il robottino di Star Wars).
La conclusione è semplice e vale per Janet Jackson come per tanti altri artisti: dopo che hai venduto durante la tua carriera milionate di dischi in tutto il mondo, potresti fare solo qualche concerto ogni tanto e dedicarti alla famiglia per il resto del tempo; tutti sarebbero più contenti rispetto ai sentimenti che suscita l’ascolto di un ennesimo album senza spessore e consistenza.

A.M.

Condividi.