[R’nB/Funk] Prince – 20Ten (2010)

/5
http://www.goldiesparade.co.uk/ Non può splendere sempre l’arcobaleno. Essì che ci stava abituando bene. Lo Yoda porpora di Minneapolis (come si autodefinisce in un nuovo pezzo) va a toppare dopo una striscia vincente che durava da anni (da Musicology, praticamente).Dall’ultimo, ottimo, doppio Lotusflow3r/MPLsound riprende il sound, concentrando però il tutto in unico disco. Condisce il suo R&B/funk

http://www.goldiesparade.co.uk/

Non può splendere sempre l’arcobaleno. Essì che ci stava abituando bene. Lo Yoda porpora di Minneapolis (come si autodefinisce in un nuovo pezzo) va a toppare dopo una striscia vincente che durava da anni (da Musicology, praticamente).
Dall’ultimo, ottimo, doppio Lotusflow3r/MPLsound riprende il sound, concentrando però il tutto in unico disco. Condisce il suo R&B/funk con sonorità di plastica, con drum machine prese pari pari da Purple Rain (giusto per una lacrimuccia), ma tira fuori pezzi senza mordente: l’opener ‘Compassion’ sembra addirittura la versione dei poveri della mitica ‘Let’s Go Crazy’. Non c’è niente di veramente interessante nel nuovo 20Ten che sia un lento (‘Walkin In Sand’) o un rap (‘Laydown’). Non siamo certo a livelli (negativi) di certe follie tra i ’90 e gli ’00 ma rattrista vedere un album che…non è niente. Non è sperimentale, non è nuovo, non è nostalgico, non è ‘sentito’…

Ecco cosa manca soprattutto: il feeling. Sembra che il buon Prince si sia divertito un mondo a suonare pezzi che potrebbe benissimo aver tirato giù in un pomeriggio (come ‘Sticky Like Glue’, metafore che si sprecano). Grande assente soprattutto la sua chitarra: lontano dall’essere incisiva, non piazza nulla di eclatante suonando spesso fuori luogo per colpa di una produzione un po’ matta. Peccato.

Marco Brambilla

 

Condividi.