[Rock] Negrita – L’Uomo Sogna Di Volare (2005)

 /5
Sale – L’ Uomo Sogna Di Volare – Mother – Greta – Destinati A Perdersi – Rotolando Verso Sud – Il Mio Veleno – Tutto Bene – Alzati Teresa – Il Branco www.negrita.comwww.universalmusic.it “L’uomo sogna di volare”, il nuovo disco dei Negrita, segna un passo importante, una svolta decisiva nella storia della rock band nostrana.

Sale – L’ Uomo Sogna Di Volare – Mother – Greta – Destinati A Perdersi – Rotolando Verso Sud – Il Mio Veleno – Tutto Bene – Alzati Teresa – Il Branco

www.negrita.com
www.universalmusic.it

“L’uomo sogna di volare”, il nuovo disco dei Negrita, segna un passo importante, una svolta decisiva nella storia della rock band nostrana. Ritornati da un lungo e affascinante viaggio in Sud America, Pau e compagni hanno trasferito in musica le sensazioni, le emozioni, i ricordi e i suoni che hanno raccolto nel loro peregrinare e da questo materiale è nato questo album rivoluzionario, forse per molti versi il “meno Negrita” mai pubblicato dai Negrita.
I dieci brani che compongono la track list sono molto diversi tra loro, segno che davvero questa avventura nel Sud del mondo ha arricchito la loro sensibilità fornendogli un gran numero di spunti su cui lavorare (dopotutto fare un viaggio in qualche paese lontano e improvvisamente ritrovarsi “illuminati” è un ritornello che nella storia della musica abbiamo già sentito tante volte). “Greta”, il singolo scelto per il lancio del cd, è forse uno dei pochi brani in cui si può riconoscere il marchio puramente rock che ha caratterizzato gli album precedenti mentre altri pezzi come “Sale”, con il suo ritmo asciutto e l’intervento del rapper Gabriel O Pensador, o la stessa “L’uomo sogna di volare”, porteranno i fan dei Negrita in un mondo decisamente differente, fatto di ritmiche nuove e coinvolgenti e suoni sempre più caldi e meno spigolosi. Ogni brano ha comunque una personalità propria e capita così di saltare dal sound latineggiante di “Rotolando verso Sud” al ritmo serrato di “Alzati Teresa” passando per la dolce “Tutto bene”. “L’uomo sogna di volare” si presenta insomma come un grande passo in avanti per la band che riesce, con grande maestria, a mescolare il nuovo e il vecchio riuscendo ad amalgamare le influenze raccolte nei loro viaggi ad un’anima sinceramente e a tratti ingenuamente rock. Quello che ne viene fuori è un disco bello da ascoltare, da assaporare e da scoprire.

AL.M.

Condividi.