Soundtrack For A Revolution

3/5
Il movimento dei diritti civili sulle note della tradizione musicale afroamericana. “Soundtrack For A Revolution” è la raccolta dei brani che hanno impreziosito l’omonimo documentario del 2009, diretto da Bill Guttentag e Dan Sturman. A distanza di tre anni, una seconda occasione per riascoltare le interpretazioni, in chiave moderna, di brani come “Oh Freedom” e

Il movimento dei diritti civili sulle note della tradizione musicale afroamericana. “Soundtrack For A Revolution” è la raccolta dei brani che hanno impreziosito l’omonimo documentario del 2009, diretto da Bill Guttentag e Dan Sturman. A distanza di tre anni, una seconda occasione per riascoltare le interpretazioni, in chiave moderna, di brani come “Oh Freedom” e “We Shall Overcome”.
Una tracklist che raccoglie passione, rabbia, dolore ed emozioni appartenenti a un popolo che anche grazie alla potenza e all’energia contagiosa della propria musica ha trovato la forza e il coraggio per combattere, affrontando ogni forma d’aggressione con dignità e senza ricorrere mai all’uso della violenza.

Intense atmosfere soul e gospel si alternano sulle voci di Wyclef Jean, Joss Stone, Vivian Green, The Roots e tanti altri. Tra tutte emergono “Will The Circle Be Unbroken?” cantata da Richie Havens; “This May Be The Last Time” con Anthony Hamilton e il contributo unico e inconfondibile dei Blind Boys of Alabama; e infine la commovente “Woke Up This Morning” affidata a John Legend. “Soundtrack For A Revolution” è un frammento di storia, un disco sospeso nel tempo, che porta con se le immagini indelebili di una rivoluzione.

Riccardo Rapezzi


YouTube

Condividi.