[Death Metal] Node – In The End Everything Is A Gag (2010)

/5
http://www.myspace.com/nodebandhttp://www.scarletrecords.it/ Ci sono voluti quasi quattro anni ed un cambio di formazione che avrebbe portato molte band verso lo scioglimento, per permettere ai nuovi Node di sfornare “In The End Everything is a gag”, disco che risulta vincente già dal titolo. L’ingresso dei nuovi membri, Beppe “Rex” Caruso alla voce, Andrea “Attila” Caniato alla chitarra



http://www.myspace.com/nodeband
http://www.scarletrecords.it/

Ci sono voluti quasi quattro anni ed un cambio di formazione che avrebbe portato molte band verso lo scioglimento, per permettere ai nuovi Node di sfornare “In The End Everything is a gag”, disco che risulta vincente già dal titolo.

L’ingresso dei nuovi membri, Beppe “Rex” Caruso alla voce, Andrea “Attila” Caniato alla chitarra e Gabriel Pignata al basso ha il merito di rendere ancora più pesante la forza espressiva e tritatutto del combo meneghino, di cui sono rimasti superstiti solo Gary D’Eramo e Marco Di Salvia.
Il lavoro compositivo è eccellente, non mancano i momenti riflessivi e quelli più schizofrenici. “The White is Burning”, e la bellissima “Mia Follow Me Down” sono destinati a entrare nei must della band in sede live. La cover di “Rebel Yell” (Billy Idol) è l’unica stonatura del disco, ma è comprensibile la necessità di provare a raggiungere più pubblico, in un paese dove tutto, per la vera musica, è sempre più difficile. L’arrangiamento del brano poi, ne rivaluta non poco l’intento.

Insomma un disco da avere per sostenere una band italiana che da sedici anni si fa letteralmente il mazzo. Promossi su tutta la linea.

Riccardo Canato

Condividi.