[Garage Noise] Human Eye – Fragments Of The

/5
[Garage Noise] Human Eye – Fragments Of The Universe Nurse (2008)   Slop Culture – Salimander Soft Shoez – Two Headed Woman – Step Into New Dimensions – Lighting In Her Eyes – Dinosaur Bones – Rare Little Creature – Gorilla Garden – Poison Frog People – Fragments Of The Universe Nurse Sito Ufficiale della

[Garage Noise] Human Eye – Fragments Of The Universe Nurse (2008)
 
Slop Culture – Salimander Soft Shoez – Two Headed Woman – Step Into New Dimensions – Lighting In Her Eyes – Dinosaur Bones – Rare Little Creature – Gorilla Garden – Poison Frog People – Fragments Of The Universe Nurse

Sito Ufficiale della band
Sito dell’etichetta discografica

Gli Human Eye cambiano etichetta, passando dalla In The Red alla Hook Or Crook, ma per fortuna non cambiano musica: il loro debut album omonimo, di tre anni fa, si poteva già annoverare tra i dischi imprescindibili degli anni 00, ma questo ritorno, incredibile a dirsi, risulta persino più estremo, allucinato e scalmanato rispetto al suo predecessore.
Evidentemente Timmy “Vulgar” Lampinen, leader e fondatore del quartetto Statunitense, non è tipo da sedersi sugli allori, e della stessa pasta son fatti i suoi compagni di scorribande: così ecco nascere dal caos, e nel caos precipitarsi, questo “Fragments Of The Universe Nurse”, ossia una delle più grandi follie “psych – garage noise” di tutta la storia del rock. Potrei anche smetterla qui di scrivere, e intimarvi di recuperare assolutamente il vinile in questione (nota bene: per ora l’album è disponibile solo in questo formato). Ma mi preme sottolineare ancora qualche cosa.

Prima di tutto, gli Human Eye possono essere considerati i più validi eredi dei Chrome: se già nel debutto questo era percepibile, ora le contrazioni e gli assolo raschiati della chitarra di Lampinen fanno davvero accapponare la pelle, mentre l’ombra di Helios Creed continua a sbucare da dietro l’angolo. Ma è proprio il modo di far collidere Stooges e scorie industriali a ricordare terribilmente il geniale duo di San Francisco. Pezzi come “Rare Little Creature” e “Dinosaur Bones” sono assemblati sovrapponendo gli assalti iconoclasti dell’Iguana all’elettronica primitiva e scheletrica dei Suicide.

Ovviamente c’è anche tanto, tantissimo altro. Nei 43 minuti di “Fragments…” è condensato tutto il meglio del garage punk di ieri e di oggi: dai primigeni ruggiti dei Sonics si giunge alla mania distruttiva dei The Hunches, senza dimenticare lo spirito rock’n’roll degli Oblivians e le decostruzioni primitiviste dei Pussy Galore. Nei momenti più anfetaminici del disco si raggiungono anche i vertici deliranti del cosiddetto weird – garage. Stiamo parlando di quei manipoli di forsennati schizoidi che fanno capo, principalmente, alla frenesia dei The Hospitals, e che ultimamente rappresentano un vero e proprio caso nel sottobosco underground americano: tra questi, da citare almeno i rozzissimi Eat Skull. Ma quello che eleva gli Human Eye al di sopra di molti loro simili è una fantasia e una capacità d’improvvisazione fuori dal comune: le digressioni psichedeliche di “Poison Frog People”, capolavoro nel capolavoro, paiono la perfetta sintesi tra le atmosfere opprimenti dei Neurosis e degli Acid Mothers Temple ancora più disturbati.

Sicuramente quest’opera pazzamente visionaria ed epilettica comparirà tra i miei dischi dell’anno, e servirà a riaccendere la fiamma del garagista che è in voi.

Stefano Masnaghetti

Condividi.