[Hard Rock] Hardcore Superstar – Dreamin’ In A Casket (2007)

 /5
Need No Company – Medicate Me – Dreamin’ In A Casket – Silence For The Peacefully – Sophisticated Ladies – Wake Up Dead In The Garbagecan – Spreadin’ The News – This Is For The Mentally Damaged – Sensitive To The Light – Lesson In Violence – Sorry For The Shape I’m In – No


Need No Company – Medicate Me – Dreamin’ In A Casket – Silence For The Peacefully – Sophisticated Ladies – Wake Up Dead In The Garbagecan – Spreadin’ The News – This Is For The Mentally Damaged – Sensitive To The Light – Lesson In Violence – Sorry For The Shape I’m In – No Resistance.

www.hardcoresuperstars.com
www.gain.se

A poco più di un anno e mezzo dal precedente, fantastico, album omonimo, esce a sorpresa questo “Dreamin’ In A Casket” che fotografa il gruppo in un momento davvero d’oro. A dir la verità sembra quasi che il predecessore e questo nuovo lavoro siano frutto della stessa session, se non fosse per un suono più marcatamente heavy che  all’inizio lascia un po’ di sasso, ma che dopo due ascolti diventa irresistibile.

Pezzi come l’iniziale, tiratissima, “Need No Company” o la successiva “Medicate Me” (una delle canzoni migliori di sempre) non lasciano dubbi sul fatto di aver azzeccato l’acquisto. Il bello è che tutto l’album è un susseguirsi di possibili singoli e mi viene sempre più da pensare che gli album di questo gruppo, ormai on the road da dieci anni, siano proprio quelli che vorremmo venissero pubblicati dai Guns N’ Roses o dai Motley Crue, se ancora ne fossero capaci…

Un pezzo come “Wake Up Dead In The Garbagecan”, sparato in faccia senza compromessi, merita di stare tra i grandi del genere e l’ironia che pervade pezzi come la title track la dice lunga sul fatto che i quattro non si prendano per niente sul serio (cosa che ritengo fondamentale per un gruppo rock). Insomma, un disco da avere assolutamente e vadano a farsi fottere quelli che ci parlano di nostalgia. Viva la nostalgia, viva gli anni ottanta.

L.G.

Condividi.