[Melodic Hard Rock] Bonfire – The Räuber (2008)

 /5
The Räuber – Bells Of Freedom – Refugee Of Fate – The Oath – Blut und Tod – Love Don’t  Lie – Black Night – Hip Hip Hurray – Do You Still Love Me – Let Me Be Your Water –  Lass die Toten Schlafen – The Good Die Young – Time – Father’s Return


The Räuber – Bells Of Freedom – Refugee Of Fate – The Oath – Blut und Tod – Love Don’t  Lie – Black Night – Hip Hip Hurray – Do You Still Love Me – Let Me Be Your Water –  Lass die Toten Schlafen – The Good Die Young – Time – Father’s Return – Love Don’t Lie  (Acoustic Mix) – Do You Still Love Me (Acoustic Mix) – Hip Hip Hurray (dt. Version)

http://www.bonfire.de/
http://www.frontiers.it/

Doppia faccia per l’ultima fatica dei Bonfire. Il concept album è sicuramente un  progetto sempre ambizioso e difficile da proporre al meglio. I Nostri hanno giocato  probabilmente troppo sul bilinguismo inglese/tedesco e sull’alternanza pezzo peso (o  mid-tempo sostenuto) e pezzo smielato.
La partenza è ottima, “Bells Of Freedom” schianta e soprende, e fino al primo lentone  “Love Don’t Lie” ci si diverte parecchio. Da qui in poi si assiste a un calo  qualitativo delle composizioni, che trova il punto più basso nell’idiotissima “Hip Hip Hurray” e nelle scontate tracce successive, fino alle buone “The Good Die Young” e  “Time”.
In sostanza un lavoro interlocutorio, che parte con delle ottime credenziali per  spegnersi nel corso dell’ascolto. Occasione sprecata.

I.P.

Condividi.