[Metalcore] Hatebreed – For the Lions / Live …

/5
  [For the Lions]Ghosts of War – Suicidal Maniac – Escape – Hatebreeders – Set It Off – Thirsty and Miserable – All I Had I Gave – Your Mistake – I’m In Pain – It’s the Limit – Refuse/Resist – Supertouch/Shitfit – Evil Minds – Shut Me Out – Sick of Talk – Life

 

[For the Lions]
Ghosts of War – Suicidal Maniac – Escape – Hatebreeders – Set It Off – Thirsty and Miserable – All I Had I Gave – Your Mistake – I’m In Pain – It’s the Limit – Refuse/Resist – Supertouch/Shitfit – Evil Minds – Shut Me Out – Sick of Talk – Life Is Pain – Hear Me – Boxed In 

[Live Dominance]
This Is Now – Perseverance – A Call For Blood – To The Threshold – Empty Promises – Destroy Everything – Voice of Contention – As Diehard As They Come – Hallow Ground – Doomsayer – Betrayed By Life – Straight To Your Face – Facing What Consumes You – Before Dishonor – Never Let It Die – Last Breath – Beholder Of Justice – Smash Your Enemies – Proven – Defeatist – Live For This – I Will Be Heard

http://www.hatebreed.com/
http://www.centurymedia.com

Due dischi da un gruppo come gli Hatebreed, che ci hanno abituato ad un’intensa attività live ma a pochissime release (una ogni tre anni, circa), sono grasso che cola per gli amanti delle sonorità hardcore e metalcore: tutto questo anche se parliamo di materiale che non aggiunge nulla di nuovo, visto che stiamo parlando di un album di cover e di un dvd live.

For the lions” è un cd di cover che, come tutte le uscite di questo tipo, presenta dei picchi notevoli (la opener “Ghosts of war” tra tutte), ma anche dei passi falsi niente male, come la tanto sponsorizzata rivisitazione di “Escape” dei Metallica, tutto fuorché un brano riuscito, o una “Set it off” dei Madball che, di fatto, dimostra che gli Hatebreed sono la loro tribute band non ufficiale. Per il resto, 18 tracce conosciute e meno conosciute, e con alcune esplorazioni al di fuori dell’hardcore e del punk (vedi “I’m in pain” e “Refuse/resist”). Release sinceramente trascurabile e consigliata ai soli fan.

Di tutt’altra pasta “Live dominance”, forse uno dei dvd live più “veri” usciti negli ultimi anni. Prendendo la strada del noto “Music of mass destruction” degli Anthrax, la band di Jamey Jasta ha deciso di impostare il dvd come un reportage di tutti i lati di un loro concerto, nello specifico la data all’Harpo di Detroit del marzo 2008: spazio non solo alla band, ma anche al loro fedele pubblico documentato ricorrendo a più videocamere, che riprenderanno il delirio collettivo nel pit, soprattutto nei brani più tirati e veloci. Scaletta composta da 22 pezzi, per un’indiscutibile concerto di 75 minuti: tutti i momenti migliori della loro carriera sono presenti e senza pause eccessive. Band non perfetta, molte imprecisioni che però confermano il fatto che non ci sono state, al contrario di tanti altri live, sovraincisioni in studio. Da apprezzare la scelta di mettere montagne di extra: poco meno di due ore di materiale aggiuntivo, da pezzi bootleg (comunque di qualità medio-alta) tratti da altri concerti a interviste ai componenti della band, passando ad una ricca galleria fotografica e a dei tributi da parte dei (fedelissimi) fan.
Un dvd di alta qualità, che documenta nella maniera più “giusta”, per una band come gli Hatebreed, il tour di supporto a “Supremacy”: un antipasto in vista del nuovo disco, che uscirà per Century Media in un periodo non ancora reso noto.

Nicola Lucchetta

Condividi.