[Metalcore] Zao – Awake? (2009)

/5
  1,000,000 Outstretched Arms Of Nothing – Entropica – The Eyes Behind The Throne – Human Cattle Masses Marching Forward – Romance Of The Southern Spirit – What Will You Find? – Awake? – Quiet Passenger Pt. 1 – Reveal – Quiet Passenger Pt. 2/the World Caved In http://www.zaoonline.com/http://www.ferretstyle.com/ Tra gli artefici del metalcore di

 

1,000,000 Outstretched Arms Of Nothing – Entropica – The Eyes Behind The Throne – Human Cattle Masses Marching Forward – Romance Of The Southern Spirit – What Will You Find? – Awake? – Quiet Passenger Pt. 1 – Reveal – Quiet Passenger Pt. 2/the World Caved In

http://www.zaoonline.com/
http://www.ferretstyle.com/

Tra gli artefici del metalcore di stampo “cristiano”, precursori di un filone tanto in voga in questo periodo (al punto che alcune etichette creano una divisione dedicata, vedi il caso Solid State), gli Zao tornano alla ribalta a tre anni dal precedente “The Fear Is What Keeps Us Here” con “Awake?”, un disco che non convince del tutto, ma che presenta quei spunti di classe tipici di band che sono nel giro da più di quindici anni.

Un post-hardcore schizofrenico e malato, contaminato da pesanti influenze metal (sfociando anche in cose ben più estreme dello swedish death), è il punto di unione tra le dodici tracce di questa release. Un lavoro ben prodotto e professionalmente ineccepibile, ma non esente da critiche. Il grosso punto interrogativo, che ci fa riflettere sull’effettivo valore di questo “Awake?”, è proprio il volersi fossilizzare e fermarsi su quei topos del genere, stereotipi che in ogni caso la band ha contribuito a creare nel corso degli anni. Certo, ci sono alcune soluzioni innovative rispetto al passato, come ad esempio le voci pulite (anche se il break melodico di “Entropica” non si può sentire), ma il dubbio che il quartetto si sia voluto sedere sugli allori è piuttosto forte.

A conti fatti però, questa ultima fatica degli Zao conferma il fatto che le band che hanno contribuito a creare il metalcore, anche con il freno tirato, sono di gran lunga migliori dei pargoli, che cavalcano la moda del momento senza classe e inventiva. Non la loro migliore uscita, tanti i dubbi dietro l’angolo, ma è innegabile il fatto di essere di fronte ad un nuovo tassello onesto in una carriera che, finora, ha presentato tanti alti e pochissimi bassi.

Nicola Lucchetta

Condividi.