[Nu Metal] Disturbed – Ten Thousand Fists (2005)

 /5
Ten Thousand Fists – Just Stop – Guarded – Deify – Stricken – I’m Alive – Son Of A Plunder – Overbundened – Decadence – Forgiven – Land Of Confusion – Sacred Lie – Pain Redefined – Avarice www.disturbed1.comwww.warnerbrosrecords.com Potremmo parlare di modern metal per il terzo full length dei Disturbed, band che negli States

Ten Thousand Fists – Just Stop – Guarded – Deify – Stricken – I’m Alive – Son Of A Plunder – Overbundened – Decadence – Forgiven – Land Of Confusion – Sacred Lie – Pain Redefined – Avarice

www.disturbed1.com
www.warnerbrosrecords.com

Potremmo parlare di modern metal per il terzo full length dei Disturbed, band che negli States ha assunto una posizione dominante in questo campo. Teniamo l’etichetta ‘nu’ per far capire che, di quel movimento che sconvolse l’anima dei defenders e infiammò invece le teste degli alternativoni a tutti i costi pochi anni fa, sono rimasti in pochi, probabilmente i migliori. Onestamente non ero mai rimasto entusiasmato dalla proposta della band del bravissimo singer David Draiman. Il quartetto di Chicago aveva già spopolato con i precedenti “The Sickness” e l’acclamato (ma da chi?) “Believe”, ora però le carte in tavola sono cambiate, senza in realtà sconvolgere molto la proposta del combo. Complice una produzione più incisiva, alcuni ritornelli uber commerciali ma dannatamente azzeccati e una maggiore varietà di ritmi e riffs, il disco risulta il più completo ed esaustivo mai inciso dal gruppo. Certo, 14 tracce sono troppe, il copione è sempre quello e se ogni tanto si accelerasse un po’ o si puntasse maggiormente sul pulito della valida ugola del frontman Draiman (sentitelo nella pseudo ballad “Overburdened”) potremmo avere un cd millenario. Tuttavia il prodotto è buono, strepitoso nei primi cinque pezzi e lineare nei successivi, ottimo rappresentante di quell’heavy da classifica che riceve sempre maggiori attenzioni dal music business e testimonianza del buono stato di salute di una band da cui ci si aspetta molto negli anni a venire.

Condividi.