[Post Rock] Watzlawick – Prologue (2010)

/5
  http://www.myspace.com/watzlawickband Paul Watzlawick è stato un illustre psicologo austriaco noto per essere stato il primo esponente della scuola statunitense di Palo Alto (grazie Wiki), ma Watzlawick è anche il nome di un giovane gruppo formato da quattro ragazzi pisani amanti di tutto ciò che è estremo e sperimentale. Si presentano con questo EP, “Prologue”,

 

http://www.myspace.com/watzlawickband

Paul Watzlawick è stato un illustre psicologo austriaco noto per essere stato il primo esponente della scuola statunitense di Palo Alto (grazie Wiki), ma Watzlawick è anche il nome di un giovane gruppo formato da quattro ragazzi pisani amanti di tutto ciò che è estremo e sperimentale.

Si presentano con questo EP, “Prologue”, completamente autoprodotto, che fa il punto su questo primo anno di vita della band. Attraverso le sei tracce e un’abbondante mezz’ora di musica si passa con grande disinvoltura attraverso le diverse facce del sound del gruppo, dal metal più sperimentale di Tool e Korn, passando attraverso sfuriate hardcore e mathcore non distanti dai Dillinger Escape Plan, fino alle atmosfere dilatate e impalpabili vicine al post-rock.

Non è un lavoro semplice al primo ascolto, ci vuole un po’ per entrare all’interno della complessità dei brani e per apprezzare a fondo tutte le sfumature stilistiche, ritmiche (ampio l’uso di tempi dispari) e armoniche che investono l’ascoltatore, ma ne vale la pena, per poter godere appieno per esempio della sognante ”Red giant”, o della caustrofobica “Fade to blue”, fino alla furiosa “Embrace”, per un lavoro che fa molto ben sperare per il futuro.

Livio Novara

Condividi.