[Sleaze Metal] Crazy Lixx – New Religion (2010)

/5
http://www.myspace.com/crazylixxmusichttp://www.frontiers.it/intro/index.htm Il glam nel 2010 è vivo e vegeto, ha semplicemente cambiato pelle, si è spostato dall’assolata Los Angeles alla fredda Svezia, ora si fa chiamare sleaze, e le band di punta non si chiamano più Motley Crue, Faster Pussycat e Poison, ma Hardcore Superstar, Backyard Babies, Shamless, Buckcherry e Crazy Lixx. Questi ultimi, con


http://www.myspace.com/crazylixxmusic
http://www.frontiers.it/intro/index.htm

Il glam nel 2010 è vivo e vegeto, ha semplicemente cambiato pelle, si è spostato dall’assolata Los Angeles alla fredda Svezia, ora si fa chiamare sleaze, e le band di punta non si chiamano più Motley Crue, Faster Pussycat e Poison, ma Hardcore Superstar, Backyard Babies, Shamless, Buckcherry e Crazy Lixx.

Questi ultimi, con un solo disco uscito nel 2007, hanno saputo guadagnarsi una posizione di prestigio nel variopinto panorama dello sleaze metal nordico, e con questo nuovo lavoro hanno riconfermato l’ottima impressione riscossa con l’album d’esordio. Il sound della band strizza l’occhio ai grandi del passato, ma mantiene un’ottima personalità e una carica che riesce a far ballare già dal primo ascolto. Da citare pezzi come l’opener “Rock And A Hard Place”, “Road To Babylon”, “Children Of The Cross” e la conclusiva “Woodo Woman”, che rendono l’ascolto del disco elettrizzante ed esaltante.

Ennesima release di prestigio dalla scena svedese quindi, e ulteriore dimostrazione che le mode passano, i generi vivono le loro epoche d’oro, poi sembrano scomparire e rimanere relegati nel passato, ma in qualche modo riescono sempre a tornare e a farsi apprezzare nuovamente. E i Crazy Lixx sono la dimostrazione di questo ritorno, fatto di capelli cotonati, look eccessivo, colori sgargianti, tanta lacca per capelli e musica sincera che ha voglia di far divertire l’ascoltatore. Promossi.

Corrado Riva

Condividi.