[Stoner] Stonegard – From Dusk Till Doom (2008)

/5
[Stoner] Stonegard – From Dusk Till Doom (Reissue 2008) From Dusk Till Doom – The Last Good Page – Morpheon – Crooked Feathers – Helios, Cursed – Rescue – S&C – Blade – Locust http://www.stonegard.org/http://www.myspace.com/stonegardhttp://www.myspace.com/indierecordings Forti di un nuovo contratto con la Indie Recordings, i norvegesi Stonegard possono finalmente dare in pasto all’Europa il secondo

[Stoner] Stonegard – From Dusk Till Doom (Reissue 2008)

From Dusk Till Doom – The Last Good Page – Morpheon – Crooked Feathers – Helios, Cursed – Rescue – S&C – Blade – Locust

http://www.stonegard.org/
http://www.myspace.com/stonegard
http://www.myspace.com/indierecordings

Forti di un nuovo contratto con la Indie Recordings, i norvegesi Stonegard possono finalmente dare in pasto all’Europa il secondo album in carriera, From Dusk Till Doom, originariamente pubblicato nel 2006. Un disco che per l’occasione è stato ritoccato non solo sotto il profilo grafico, ma soprattutto per quanto riguarda la produzione e il mixaggio, avendo a disposizione (questa volta) una squadra di alto profilo.

From Dusk Till Doom è dunque un buon disco, che si snoda su coordinate stoner, all’interno delle quali i nostri inseriscono abbondanti elementi “estranei”, come thrash metal, aperture melodiche, ritornelli decisamente orecchiabili, e brevi parentesi atmosferiche, riuscendo a miscelare il tutto in canzoni ben strutturate, non propriamente fantasiose, ma che denotano una buona mano. Una discreta padronanza che si apprezza anche sotto il profilo tecnico, in particolar modo nella prestazione vocale (molto versatile) del cantante chitarrista Torgrim Torve.

Non è sicuramente un lavoro che fa gridare al miracolo, ma From Dusk Till Doom è uno di quei platter che si ascoltano dall’inizio alla fine senza intoppi, in cui si è appagati dalle trame energiche di canzoni come From Dusk Till Doom, o The Last Good Page, e da altri frangenti più riflessivi come la bella Morpheon, e Rescue, sempre in bilico tra le diverse influenze già citate, robuste e trascinanti.

Un’ampia sufficienza, per una formazione di qualità che bissa i buoni risultati del debutto.

Stefano Risso

Condividi.