[Swedish Thrash/Heavy Metal] Morgana Lefay – Aberrations Of The Mind (2007)

 /5
Delusions – Make A Wish – The Rush Of Possession – Depression – Caught In The Treadwheel – Reflections Of War – Face Of Fear – Where I Rule – In Shadows I Reign – Aberration Of Mind – Vultures Devouring – Over And Over Again – Nightmare Made Flesh (bonus) http://www.morganalefay.se/http://www.blackmark.net/bmpweb.asp Nuovo disco da


Delusions – Make A Wish – The Rush Of Possession – Depression – Caught In The Treadwheel – Reflections Of War – Face Of Fear – Where I Rule – In Shadows I Reign – Aberration Of Mind – Vultures Devouring – Over And Over Again – Nightmare Made Flesh (bonus)

http://www.morganalefay.se/
http://www.blackmark.net/bmpweb.asp

Nuovo disco da studio per gli svedesi Morgana Lefay, nome abbastanza sconosciuto dalle nostre parti, autori di release di tutto rispetto come "Sanctified" del 1995 e "Maleficium" del 1996, periodaccio per il metal in generale, a meno che non si suonasse power da cartoon.
I Lefay del 2007 propongono un interessante polpettone metallico (giuro che avrei voluto metterlo nel genere tra quadre ma poi ho evitato, ndr), che spazia dal classico sound thrash svedese (novità fino a un certo punto per i nostri), ad assalti in stile Us Power ed heavy degli eighties, con qualche incursione dark ed epic.

A sostenere tutto ciò c'è il bravissimo Charles Rytkönen, singer abilissimo e leader del gruppo, che con la sua timbrica conferisce credibilità e continuità ai vari brani del lotto. Si parte in quarta con "Delusions", si pesta ancora duro con "Make A Wish", si rallenta con "Depression", ci s'annoia forse un po' con "Reflections Of War" e "Face Of Fear" (filler warning in here, ndr). "Where I Rule" e "In Shadows I Reign" rialzano un po' il tiro prima della titletrack, vera e propria mattatrice folle di una parte centrale di album non esattamente esaltante. Si rialza nel finale "Aberrations Of The Mind", con "Vultures Devouring" e la bella "Over And Over Again".
Disco piacevole, che traccia la nuova strada intrapresa dai Morgana Lefay, che rinfrescano il proprio sound con un po' di cattiveria in più rispetto al passato, grazie anche a una produzione secca e retrò che valorizza la loro valida proposta.

Condividi.