About Wayne – Rushism

/5
L’esordio dei capitolini About Wayne è un buon disco di rock medio pesante, quello che andava di moda nei cosiddetti anni 00. Lo stile riporta alla mente gente come Nickelback, 30 Seconds To Mars, forse Incubus e soprattutto Sinew (quelli di “The Beauty Of Contrast“) tanto per capirsi e se questo sia un bene o

L’esordio dei capitolini About Wayne è un buon disco di rock medio pesante, quello che andava di moda nei cosiddetti anni 00. Lo stile riporta alla mente gente come Nickelback, 30 Seconds To Mars, forse Incubus e soprattutto Sinew (quelli di “The Beauty Of Contrast“) tanto per capirsi e se questo sia un bene o un male decidetelo voi in autonomia.

Secondo chi scrive, Rushism è un buon esordio funestato da due difetti:
Il primo è a livello di stile. Per ora la personalità degli About Wayne è un po’ latitante. I ragazzi hanno tutti i numeri per essere una grande band a patto che trovino il modo per far uscire se stessi, cosa che renderebbe ancora più incisivi i loro brani. Non è un caso infatti che la cover di “Eleanor Rigby” (ottima e arrangiata in modo spettacolare) si riveli essere il pezzo più incisivo del lavoro.
Il secondo difetto riguiarda la produzione del disco. Perché l’insieme suona moscio e monocorde? Dove sono l’energia, l’irruenza e la dinamicità che caratterizzano la versione live degli stessi pezzi? Gli About Wayne sono oggettivamente migliori di così e se non ci credete, andate a vederveli dal vivo.

La morale è che l’esordio, seppur buono, mostra ampi margini di miglioramento. Li aspettiamo al prossimo giro.

Stefano Di Noi

Condividi.