[Alternative Rock/Emo] Alexisonfire – Old …

/5
[Alternative Rock/Screamo] Alexisonfire – Old Crows/Young Cardinals (2009) Old Crows – Young Cardinals – Sons Of Privilege – Born And Raised – No Rest – The Northern – Midnight Regulations – Emerald Street – Heading For The Sun – Accept Crime – Burial http://www.theonlybandever.com/http://www.roadrunnerrecords.it/ Li avevamo lasciati nel 2006, con un ottimo disco come “Crisis”,

[Alternative Rock/Screamo] Alexisonfire – Old Crows/Young Cardinals (2009)

Old Crows – Young Cardinals – Sons Of Privilege – Born And Raised – No Rest – The Northern – Midnight Regulations – Emerald Street – Heading For The Sun – Accept Crime – Burial

http://www.theonlybandever.com/
http://www.roadrunnerrecords.it/

Li avevamo lasciati nel 2006, con un ottimo disco come “Crisis”, limitandoci al lavoro in studio. In questi tre anni si sono alternati facili entusiasmi (botto di copie vendute, tour di successo), ma anche la cocente delusione di uno scioglimento causato da una totale dedizione ai vari side project che vedono coinvolti i vari membri del gruppo. Il quesito fondamentale è stato: “Old crows / Young cardinals” sarà il solito compitino screamo o la band sarà abile a svincolarsi da questo genere ormai saturo e cambiare rotta, verso lidi più “innovativi”?

La verità sta nel mezzo: infatti, anche se lo screamo è ancora parte fondamentale della matrice musicale del combo canadese, in questa ultima release si presentano anche nuovi sound finora inusuali, come l’alternative rock e il lato più decadente della new wave britannica. Il risultato è un disco che, comunque, mantiene gli alti livelli con i quali gli Alexisonfire ci abituano da ormai otto anni: di fronte ad una qualità così alta a livello di arrangiamenti e produzione (l’ultima curata dallo sconosciuto Julius Butty), troviamo infatti dei brani, come “Young cardinals”, che sono il punto di unione con il passato della band, ma anche canzoni più sperimentali e di “rottura” come “The northern” che resta di gran lunga l’episodio migliore del lotto.

“Old crows / Young cardinals” si rivela, a conti fatti, il lavoro che può consacrare definitivamente i cinque provenienti dall’Ontario: nessuna rottura con il passato, ma l’aver aperto i loro confini a sonorità più melodiche e facili potrebbe sdoganare la loro musica ad una fanbase ben più ampia.

Nicola Lucchetta

Condividi.