[Ambient] Martin Schulte – Silent Star (2010)

/5
http://www.myspace.com/martinschultehttp://www.rarenoiserecords.com/ Chi si nasconde dietro questo nome tipicamente germanico in realtà si chiama Marat Shibaev. Viene dalla Russia, è tartaro, ha solo ventidue anni e già un paio d’album e alcune collaborazioni in valigia. Non uno di primo pelo. Nell’ultimo lavoro, che ci arriva via RareNoise, il ragazzo russo mostra appieno la sua predilezione per

http://www.myspace.com/martinschulte
http://www.rarenoiserecords.com/

Chi si nasconde dietro questo nome tipicamente germanico in realtà si chiama Marat Shibaev. Viene dalla Russia, è tartaro, ha solo ventidue anni e già un paio d’album e alcune collaborazioni in valigia. Non uno di primo pelo. Nell’ultimo lavoro, che ci arriva via RareNoise, il ragazzo russo mostra appieno la sua predilezione per l’elettronica che si costruisce sulle valenze atmosferiche e i trucchi del clicks’n’cut.

La sua è una musica fluttuante e di classe, un ambient-techno con passaggi dub in cui produce buone atmosfere soffuse e pacifiche, cadendo in difetto solo nelle battute a cassa dritta che fanno perdere un po’ di quella unicità di pattern che aveva creato.

Luca Freddi

Condividi.