[Blues] Scott Henderson – Scott Henderson Live! (2005)

 /5
Disc 1: Slidin’ – Well to the bone – Sultan’s boogie – Xanax – Lady p – Jakarta – Tacos are goodDisc 2: Dog party – Fee fi fo fum – Meter maid – Nairobe express – Devil boy – Hillbilly in the band www.scotthenderson.net http://www.shrapnelrecords.com/ E’ uscito nel 2005 il primo doppio cd live

Disc 1: Slidin’ – Well to the bone – Sultan’s boogie – Xanax – Lady p – Jakarta – Tacos are good
Disc 2: Dog party – Fee fi fo fum – Meter maid – Nairobe express – Devil boy – Hillbilly in the band

www.scotthenderson.net
http://www.shrapnelrecords.com/

E’ uscito nel 2005 il primo doppio cd live di Scott Henderson, dal semplice ed efficace titolo “LIVE!”, registrato durante l’ultimo tour mondiale del chitarrista americano e della sua blues band; quest’ultima è composta dall’amico batterista Kirk Covington (ex Tribal Tech insieme ad Henderson) e dal bassista John Humphrey, anch’egli amico di vecchia data. Il trio, che ha letteralmente girato il mondo per presentare la propria musica, si è esibito anche in Italia in più occasioni, ottenendo meritatamente un grande successo e registrando al La Palma Club di Roma una splendida versione del brano di Wayne Shorter “Fee Fi Fo Fum”, presente nel nuovo album. Nel doppio cd contenente tredici brani in tutto, si trova quella che potrebbe essere considerata la storia della discografia di Henderson, a partire da celebri composizioni come “Dog Party” per poi arrivare a nuovi successi come “Well to the bone”, in un percorso a ritroso del cammino artistico che ha consentito al grande chitarrista di arrivare, nel corso di circa un ventennio, ad essere considerato fra i più grandi chitarristi jazz e fusion (ma non solo) di tutti i tempi. Fa impressione constatare con quanta naturalezza Scott Henderson riesca ad eseguire esercizi di una difficoltà estrema, senza in alcun modo penalizzare l’enorme musicalità di cui è dotato, esprimendo l’idea della chitarra come “appendice del proprio corpo” di cui si sono fatti portavoce anni addietro alcuni dei suoi idoli come Jeff  Beck e soprattutto Jimi Hendrix. Henderson quindi raccoglie con questa nuova produzione un’eredità pesante alla quale guarda spesso – parole sue – “con grande ammirazione”, considerandosi con molta umiltà “un semplice studente”  che ha ancora molto da imparare: staremo a vedere…!

PROSSIME DATE:
10 maggio 2006 – Teatro al parco – PARMA
11 maggio 2006 – Sonny Boy – CONEGLIANO V.
12 maggio 2006 – La spirale – FRIBURGO (Svizzera)
13 maggio 2006 – Skylab Club – TERNI

S.D.M.

Condividi.