[Cantautorato] Arturo Fiesta Circo – E Lo Chiamerai Giovanni (2010)

/5
www.arturofiestacirco.itwww.viaaudio.it Variegati, mai banali e a volte irriverenti, gli Arturo Fiesta Circo portano nel loro dna la grande tradizione cantautorale italiana, prendete i vari Conte, De Andrè, aggiungete la teatralità di Vinicio Capossela e come guarnizione una spruzzata di chansonniers francesi e avrete tutti gli ingredienti di base. Alla ricetta va aggiunto del sano blues/rock,



www.arturofiestacirco.it
www.viaaudio.it

Variegati, mai banali e a volte irriverenti, gli Arturo Fiesta Circo portano nel loro dna la grande tradizione cantautorale italiana, prendete i vari Conte, De Andrè, aggiungete la teatralità di Vinicio Capossela e come guarnizione una spruzzata di chansonniers francesi e avrete tutti gli ingredienti di base. Alla ricetta va aggiunto del sano blues/rock, schietto e sincero, che spesso cede il passo a fraseggi jazz che ammorbidiscono le atmosfere e le rendono più intime e meditative.

La musica però sarebbe poca cosa se non fosse a supporto di un progetto decisamente ardito e di grande spessore, ovvero una rivisitazione delle sacre scritture, del Nuovo Testamento, come se fosse storia di oggi, per mezzo della sconsacrazione di Gesù di Nazareth, che diventa semplicemente un uomo, ma non uno qualunque, un grande uomo, forse il più grande dei rivoluzionari. Gesù diventa così il geniale pianista senza piano di nome Royale, l’Arcangelo Gabriele diventa un acrobata, Maria Maddalena una ballerina e via via gli altri personaggi, nel grande circo senza tempo che è la nostra vita.

Gli Arturo Fiesta Circo confezionano così un disco dalle molteplici chiavi di lettura e di ascolto, dipenderà da voi il volervi addentrare o meno nelle pieghe del disco, ma non rimarrete delusi.

Livio Novara

Condividi.