[Cantautorato] Paolo Tocco – Anime Sotto…

Paolo Tocco Anime Sotto Il Cappello 2009 /5
  [Cantautorato] Paolo Tocco – Anime Sotto Il Cappello (2009) Parola ad un Respiro – Il Mercante di Sogni – Il Fante di Bastoni – Se si Potesse Andare – Regina Regina – Una Finestra Chiusa – Per Vivere, per Respirare – Lo Straniero di Via Garibaldi – Lo Sposo e la sua Spiga di

 

[Cantautorato] Paolo Tocco – Anime Sotto Il Cappello (2009)

Parola ad un Respiro – Il Mercante di Sogni – Il Fante di Bastoni – Se si Potesse Andare – Regina Regina – Una Finestra Chiusa – Per Vivere, per Respirare – Lo Straniero di Via Garibaldi – Lo Sposo e la sua Spiga di Grano – Nenia dei Piccoli Pensieri

http://www.myspace.com/paolotocco
http://www.oddtimerecords.com/

L’esordio di questo cantautore abruzzese è un disco delicato, rilassante, luminoso, peotico e persino raffinato. Qua e là si scorgono i tratti del De Gregori più intimista, non parliamo né di citazioni, tanto meno di plagi ma di una vicinanza caratteriale e d’ispirazione che nulla toglie alla personalità già definita e riconoscibile di Paolo.

La musica che sorregge i delicati racconti di Paolo è opera dei Banditi, la sua band di sempre. Musica fra il rock soffuso all’americana e il folk italiano, che a tratti rimandano a un Bennato d’autore senza fuochi d’artificio o a un De André anni 80 senza velleità di sperimentazioni.

Anime Sotto Il Cappello è un ottimo biglietto di presentazione da parte di un Autore (e la maiuscola non è casuale) a cui auguriamo sinceramente di fare molta strada. Dobbiamo però sollevare anche una critica alla pronuncia non perfetta del buon Tocco che ha nella lettera “r” il suo più acerrimo nemico. Questa pronuncia un po’ vezzosa, invece di suonare ricercata, rende di tanto in tanto l’ascolto faticoso, ricordando un po’ l’ostentato accento finto americano tanto in voga nel beat italiano anni 60… tranquilli, Paolo Tocco non è né così stupido, né così fastidioso.

Stefano Di Noi

Condividi.