Cold War Kids – Mine Is Yours

/5
Solo tre anni fa i Cold War Kids navigavano a gonfie vele. Dalla loro avevano due album in attivo decisamente interessanti, l´attenzione quasi morbosa di una critica e di un pubblico talmente entusiasti da azzardare paragoni audaci (Radiohead e Jeff Buckley tanto per dirne due) ed un futuro roseo di musicisti stimati che sembrava profilarsi

Solo tre anni fa i Cold War Kids navigavano a gonfie vele.
Dalla loro avevano due album in attivo decisamente interessanti, l´attenzione quasi morbosa di una critica e di un pubblico talmente entusiasti da azzardare paragoni audaci (Radiohead e Jeff Buckley tanto per dirne due) ed un futuro roseo di musicisti stimati che sembrava profilarsi davanti ai loro orizzonti.
Troppo bello per essere vero.

Ed infatti, dopo questa premessa, è necessario sapere che “Mine is Yours” lascia letteralmente allibiti.
La grezza patina blues dei bei tempi di “Loyalty to Loyalty” è morta e sepolta, mentre le improvvise incursioni di pura grazia lirica delle splendide “Cryptomnesia”e “On the Night My Love Broke Through” prendono i colori sbiaditi di un passato lontano.
Ora, in “Mine is Yours”non rimangono che suoni lustrati e ripuliti di tutto punto, melodie spudoratamente ruffiane palesemente intente ad occhieggiare alle radio e ad un pubblico meno esigente, ballatone melense da quattro soldi che spingono sul tasto dell’easy listening.
Canzonette allegre e non troppo impegnative á la Killers, per intenderci. Ovvero, quanto di più lontano possibile ci possa essere all´idea che fino ad ora ci si era fatti di questa band.

Sembra quasi di sentirli, i migliaia sbuffi di delusione dei loro fan. Le loro facce confuse, arrabbiate, corrucciate dal disappunto. Loro che speravano in un nuovo “Robbers and Cowards”. Illusi.
Certo, la piacevolezza di “Royal Blue” o dell´iniziale “Mine is Yours” le rende indubbiamente degne di una cantatina, come anche la ballata dal sapore 80´s di “Out of the Wilderness”. Ma l´emozione è tutta qui.
“Mine is Yours”, infatti, non offre altro.

Valentina Lonati

Condividi.