[Crossover] One Day As A Lion – EP (2008)

/5
  Wild International – Ocean View – Last Letter – If You Fear Dying – One Day As A Lion Sito ufficiale degli One Day As A LionEtichetta discografica Storia strana quella di Zack De La Rocha. Sciolti i Rage Against The Machine apparentemente per volontà sua di percorrere nuove strade, si è perso in

 

Wild International – Ocean View – Last Letter – If You Fear Dying – One Day As A Lion

Sito ufficiale degli One Day As A Lion
Etichetta discografica

Storia strana quella di Zack De La Rocha. Sciolti i Rage Against The Machine apparentemente per volontà sua di percorrere nuove strade, si è perso in una miriade di collaborazioni varie che non hanno mai portato a nessun risultato concreto in termini di album. Poi proprio quando sembra avere gettato la spugna di fronte al mainstream riunendo i RATM, con conseguente tour e voci di possibile disco, fa uscire il primo lavoro ufficiale dai tempi del mesto “The Battle Of Los Angeles” insieme all’ex batterista dei Mars Volta John Theodore.

L’EP si compone di cinque canzoni e risulta difficile da giudicare: quasi impossibile sentire la voce di Zack senza pensare ai RATM. E quindi altrettanto impossibile non rimpiangere Tom Morello, qui sostituito da uno squallido sampling elettronico. E’ evidente che è possibile fare ottima musica senza chitarra elettrica, ma se questa è la scelta di base perchè tentare poi di rimpiazzarla con dei rumoracci campionati invece di cercare nuove strade?
D’altra parte la batteria di Theodore riesce a creare atmosfere notevoli, soprattutto quando suona più hardcore come in Fear Of Dying, e il risultato globale è comunque positivo, grazie a un songwriting ancora efficace (Wild International) e all’immutato carisma di Zack. Dopo i primi ascolti ci si abitua ai suoni scarni e sintetici e si inizia ad apprezzare il lavoro sottile fatto di sottrazioni, piuttosto inevitabili in una formazione a due. Scelte indubbiamente coraggiose che pagano solo a tratti, ma che fanno sicuramente ben sperare per il futuro e per la ritrovata vena creativa del cantante.

Samuele Rudelli

Condividi.