[Elettronica] Prefuse 73 – Everything She Touched …

/5
  [Elettronica] Prefuse 73 – Everything She Touched Turned Ampexian (2009) Periodic Measurements of Infrequent Smiles – Hairy Faces (Stress) – Parachute Panador – NoNo – Punish – Half Up Front – Sexual Fantasy Scale – DEC. Machine Funk All ERA’s – Get ‘Em High – Ampexian Tribe of a Lesser Time – When Is

 

[Elettronica] Prefuse 73 – Everything She Touched Turned Ampexian (2009)

Periodic Measurements of Infrequent Smiles – Hairy Faces (Stress) – Parachute Panador – NoNo – Punish – Half Up Front – Sexual Fantasy Scale – DEC. Machine Funk All ERA’s – Get ‘Em High – Ampexian Tribe of a Lesser Time – When Is a Good Time? – Fountains of Spring – Whipcream Eyepatch – Regalo – Rubber Stems – Oh Is It – Four Reels Collide – Fringertip Trajectories – Violent Bathroom Exchange – Nature’s Uplifting Revenge – Yuletide – Simple Loop Choir – No Lights Still Rock – Gaslamp Killer Feedback Text – Digan Lo – Preparation’s Kids Choir – Pitch Pipe – Periodic Measurements of Infrequent Frowns – Formal Dedications

http://www.prefuse73.com
http://www.warprecords.com

Il sapore dell’analogico. Quello sporco e su nastro Ampex. Il breakbeat e l’hip hop. La scuola Warp.
Tutto questi elementi sono raccolti nel nuovo disco di Prefuse 73, che da anni ci delizia con dischi sempre freschi oltre ad aver saputo riscrivere l’hip hop e averlo fatto evolvere dopo Dj Shadow e in compagnia di tanti altri grandi (Dalek e tutta la cricca Anticon in primis).
Scott Herren con questo quinto lavoro fa anche un passo in avanti rispetto all’ottimo “Preparations” che lo aveva preceduto. E ritorna al top tra gli eccentrici figuri che popolano il favoloso mondo dell’etichetta electro Warp.

La sua evoluzione dell’hip-hop astratto continua in queste 29 tracce per 49 minuti di durata, con un miscuglio e un susseguirsi di passaggi acido-funky-lounge-retro anni ’70, pieno di colori e di sapori. Quasi uno zapping di umori che riescono a contagiare l’ascoltatore. Qui il suo lavoro musicale appare meno frenetico delle passate prove, e con l’abbandono di voci ed Mc, il suo cut-up ora ha un’indolenza che rotola beatamente verso il sole. L’estate è ora.

Tra i collaboratori del disco si nota un nuovo super amico del nostro: il batterista Zach Hill, proveniente dagli Hella, con cui ha tra l’altro messo in piedi un nuovo progetto parallelo che si chiama Diamond Watch Wrists.

Luca Freddi
 

Condividi.