[Hard Rock] Uriah Heep – Celebration…

/5
  [Hard Rock] Uriah Heep – Celebration: 40 Years Of Rock (2009) Only Human – Bird Of Prey – Sunrise – Stealin’ – Corridors Of Madness – Between Two Worlds – The Wizard – Free Me – Free And Easy – Gipsy – Look At Yourself – July Morning – Easy Livin’ – Lady In Black

 

[Hard Rock] Uriah Heep – Celebration: 40 Years Of Rock (2009)

Only Human – Bird Of Prey – Sunrise – Stealin’ – Corridors Of Madness – Between Two Worlds – The Wizard – Free Me – Free And Easy – Gipsy – Look At Yourself – July Morning – Easy Livin’ – Lady In Black  

www.uriah-heep.com
www.edel.com

Album celebrativo per un traguardo storico raggiunto quest’anno da una delle più importanti e influenti hard rock band inglesi.
Gli Uriah Heep nascono nel lontano 1969, prendendo il nome da un personaggio letterario di Charles Dickens, e s’impongono per tutti gli anni Settanta e per i primi anni Ottanta con una serie di dischi che riscuotono un ottimo consenso di critica e pubblico.
La carriera della band è stata costellata da frequenti cambi di formazione e problemi di alcol e droghe, al punto che oggi, a festeggiare il quarantesimo anniversario di carriera, è rimasto solo il chitarrista Mick Box quale superstite della formazione originaria della band.

Questo disco antologico presenta 14 tracce che ripercorrono la lunga carriera della band, riproponendo tutti i loro più grandi classici suonati dalla formazione attuale, con l’aggiunta di due ottimi inediti che mantengono vivo lo spirito Seventies del gruppo.
Apre le danze “Only Human”, uno dei due inediti; successivamente vediamo sfilare una manciata di pezzi che hanno fatto la storia del genere, come “Bird Of Prey”, “The Wizard”, “Free Me”, “Gipsy”, l’intramontabile “Easy Livin” e la sognante ”Lady In Black”, tutti brani che faranno entusiasmare sia chi quegli anni li ha vissuti, sia chi non c’era e scopre solo ora la band.

Basta un disco di 14 canzoni per ripercorrere pienamente una carriera di 40 anni? Probabilmente no, ma credo che queste versioni renderanno felici i fan di vecchia data degli Heep, e sicuramente stimoleranno la curiosità di chi non li conosce, spingendolo alla scoperta della discografia di questa fantastica band.

Corrado Riva

Condividi.