Neil Young Psychedelic Pill

4/5
L’ultima fatica del leggendario musicista canadese contiene 87 minuti di suoni stupefacenti, in grado di rivaleggiare con i grandi capolavori del passato.

Neil Young realizza non uno ma ben due dischi insieme ai Crazy Horse. Uno di cover di tradizionali della musica a Stelle e Strisce, “Americana“, e un altro di materiale originale, “Psychedelic Pill” appunto. Doppia in cd e tripla in vinile, l’ultima fatica del leggendario musicista canadese contiene 87 minuti di suoni stupefacenti, in grado di rivaleggiare con i grandi capolavori del passato e, persino, di aggiungere alcuni elementi ‘nuovi’ nello stile del quartetto. Sembra incredibile che le canzoni qui presenti siano state suonate da gente che va verso i settant’anni, tanto è il vigore e la pesantezza delle chitarre e delle basi ritmiche.

>>> Ascolta e leggi le schede dei migliori album di Neil Young

Quello che certifica l’età di Young e compagni è il tono complessivo del lavoro, fortemente malinconico e retrospettivo, a far tutt’uno con testi che sono ruminazioni spesso amare di chi ha visto sorgere e poco dopo sprofondare i sogni della controcultura nordamericana degli anni Sessanta.


Condividi.