[Pop Jazz] Al Di Meola And Friends – Vocal Rendezvous (2006)

 /5
Shame (feat. Joe) –  I Tried (feat. Angie Stone and Macy Gray) – Schall und Rauch (feat. XavierNaidoo) – Topaz (instrumental) – Communication (feat. Beverley Knight and MC Solaar) – That’s The Truth (feat. AngieStone) – Never Never Never (feat. Bosson) – You Are The One (feat. No Mercy) – Syncopatico (instrumental) – Rendezvous Rhapsody

Shame (feat. Joe) –  I Tried (feat. Angie Stone and Macy Gray) – Schall und Rauch (feat. XavierNaidoo) – Topaz (instrumental) – Communication (feat. Beverley Knight and MC Solaar) – That’s The Truth (feat. AngieStone) – Never Never Never (feat. Bosson) – You Are The One (feat. No Mercy) – Syncopatico (instrumental) – Rendezvous Rhapsody (feat. Till Brönner) – Different Pages (instrumental) – Cuba Africa (feat. Leonid Agutin)

http://www.spv.de/eng/aldimeola/default.html
http://www.spv.de/eng/news.html

Continua la insolita collaborazione tra l’etichetta prevalentemente metal SPV e l’eclettico virtuoso della chitarra Al Di Meola. Il secondo lavoro edito dall’etichetta tedesca vede, secondo un canovaccio che negli ultimi anni è stato abbastanza sfruttato, una serie di ospiti che si alternano dietro al microfono. Proprio qui sta il limite di un lavoro che è sì abbastanza eterogeneo, ma data la caratura da superstar da classifica di quasi tutti gli ospiti i brani sembrano scritti apposta per adattarsi ai loro stili, e quindi si scivola nel pop più plastificato. Certo gli arrangiamenti sono curatissimi e impreziositi da virtuosismi chitarristici, ma vista la semplicità dei pezzi spesso gli stessi virtuosismi risultano stucchevoli e avulsi dal contesto. Non a caso i brani migliori risultano essere le due strumentali, con particolare menzione per “Topaz”. L’incedere ispanico-R&B di “Schall und Rauch” è accantivante, anche se banalizzato da un ritornello piuttosto piatto, e anche il groove funky alla Prince di “Never Never Never ”, mentre l’escursione nell’hip hop di “Communication” pare poco centrato, come pure la pomposa e hollywoodiana “ Rendezvous Rhapsody ”.  Certo sarebbe bello se il pop da classifica fosse tutto così curato e suonato a questi livelli, ma è anche vero che di altro pop non se ne sente particolarmente il bisogno.

S.R.

Condividi.