[Pop Punk] Sum 41 – All The Good Shit…

/5
  [Pop Punk] Sum 41 –  All The Good Shit: The Best Of Sum 41 (2009) Still waiting – The hell song – Fat lip – We’re all to blame – Walking disaster – In too deep – Pieces – Underclass hero – Motivation – Makes no difference – With me – Handle this –

 

[Pop Punk] Sum 41 –  All The Good Shit: The Best Of Sum 41 (2009)

Still waiting – The hell song – Fat lip – We’re all to blame – Walking disaster – In too deep – Pieces – Underclass hero – Motivation – Makes no difference – With me – Handle this – Over my head (Better off dead) – Pain for pleasure

http://www.sum41.com
http://www.islandrecords.com

Riassunto delle ultime puntate: i Sum 41 si formano nella ridente Ajax, nell’Ontario nell’ormai lontano 1996. Osannati e idolatrati da Mtv riescono a ritagliarsi un buon seguito di pubblico nel periodo in cui il pop punk torna popolare, durante i primi anni del nuovo millennio. Non bisogna però compiere l’errore di considerarli come meri ripropositori di stilemi ormai consolidati negli anni precedenti dai vari NoFx, Green Day, Offspring e compagnia. Sono dotati di una certa personalità e riescono ad inserire nel loro sound elementi mutuati in primis dal metal, dall’heavy classico degli Iron Maiden al nu metal dei System of a down, e come se non bastasse c’è spazio anche per l’hip hop e il rap, influenzati tra gli altri dai sempre grandi Beastie Boys (cosa molto evidente sulle strofe di “Fat lip” per dirne una).

A cosa serve quindi questo best of? Fondamentalmente a ricordare al mondo che i Sum 41 in qualche modo sono ancora vivi, ma poco vegeti, visto l’abbandono nel 2006 di Dave “Brownsound” Baksh, cofondatore della band; ma serve purtroppo anche a constatare con una certa amarezza come i pezzi dagli ultimi lavori non riescano a reggere il confronto con la prima produzione, dotata di una freschezza ormai lontana.

Livio Novara

Condividi.