[Pop/Rock] Ian Gillan – One Eye To Morocco

/5
  [Pop/Rock] Ian Gillan – One Eye To Morocco (2009) Eye To Morocco – No Lotion For That – Don’t Stop – Change My Ways – Girl Goes To Show – Better Days – Deal With It – Ultimate Groove – The Sky Is Falling Down – Texas State Of Mind – It Would Be

 

[Pop/Rock] Ian Gillan – One Eye To Morocco (2009)

Eye To Morocco – No Lotion For That – Don’t Stop – Change My Ways – Girl Goes To Show – Better Days – Deal With It – Ultimate Groove – The Sky Is Falling Down – Texas State Of Mind – It Would Be Nice – Always The Traveler.

http://www.iangillan.com
http://www.edel.it

Ci sono voluti più di dieci anni per ascoltare un nuovo lavoro marcato Ian Gillan. Non che in questo lasso di tempo sia stato con le mani in mano: tra concerti in ogni dove con i Purple, ottimi dischi e qualche best personale la sua presenza è stata continua e sempre gradita. Il fatto è che, per gli album lontani dalla band madre, lo screamer più famoso di sempre tiene i pezzi che difficilmente potrebbe proporre in quella sede.

Conosco a fondo la sua discografia solista, composta da qualche passo falso, ma da una miriade di grandi album spesso passati inosservati. “One Eye To Morocco” non è il disco di un artista annoiato in attesa di ripartire per l’ennesimo tour: è invece un album davvero completo, maturo e ricco di sonorità che stupiranno anche l’ascoltatore più distratto.
Gillan non urla più: i motivi sono legati all’età, alla sua gola, da proteggere per poter girare il mondo in continuazione, e al fatto che è conscio che fare l’hard rocker sia una bella cosa, ma non tutto nella vita. Con questo lavoro cerca di spingersi fino alle radici della musica che più lo ha ispirato nel corso della sua vita partendo dal soul fino ad arrivare al rhythm ‘n’ blues e al rock n’ roll delle origini. Splendido esempio di tutto ciò sono pezzi come “Girl Goes To Show” o “No Lotion For That”. Splendida la title track con il suo ritmo orientaleggiante quasi alla Robert Plant ultima maniera.
Cosa si può volere di più da una leggenda vivente di sessantatre anni?

Luca Garrò

Condividi.