[Post – Punk] Edible Woman – Everywhere At Once (2010)

/5
www.myspace.com/ediblewomanwww.myspace.com/sleepingstarrecord Bella sorpesa dall’Italia. Il power trio in questione, nato con influenze del noise chitarristico di scuola Chicago e fan agli inizi di un certo assalto hardcore, offre una buona manciata di canzoni che hanno a che fare con il post punk molto bastardizzato con i suoni anni ’70. Diremmo quindi un po’ obliquo come


www.myspace.com/ediblewoman
www.myspace.com/sleepingstarrecord

Bella sorpesa dall’Italia. Il power trio in questione, nato con influenze del noise chitarristico di scuola Chicago e fan agli inizi di un certo assalto hardcore, offre una buona manciata di canzoni che hanno a che fare con il post punk molto bastardizzato con i suoni anni ’70. Diremmo quindi un po’ obliquo come risultato, e con un po’ di psichedelia che consiglia sempre anche il dottore.

Le canzoni sono molto eterogenee, tra svisate e assalti nervosi (ma anche con vene più pop) e posseggono groove e un’arguta versatilità strumentale. Se li è accaparrati l’etichetta Sleeping Star già di Port-royal, Ladytron, Whitest Boy Alive, Raveonettes. E in più beneficiano del lavoro in studio di Mattia Coletti (Sedia, Polvere) e Lorenzo Stecconi (Lento).

Luca Freddi

Condividi.